BB Cream Make-Up Review VanitySpaceBlog Veg-Up

Veg-Up – BB Cream 3D

Salve ragazze, bentornate sul blog! Oggi parliamo di un prodotto jolly e multifunzione per il viso, una crema che funge anche da fondotinta, che molto spesso ci salva quando siamo di corsa e non amiamo indossare sull’incarnato consistenze troppo coprenti. Mi riferisco alla BB Cream e nello specifico vi presenterò la BB Cream 3D di Veg-Up.

Veg-Up è un brand di Laboratoires BeWell, un’azienda Made in Italy nata a Serravalle nel 2007, nella Repubblica di San Marino. Una delle prime linee realizzate per la cura della pelle è stata la linea corpo talassoterapica, che sfrutta i benefici delle famose alghe di Bretagna efficaci per trattamenti anticellulite, riducenti e rassodanti.

Le alghe sono un attivo dalle potenzialità molto interessanti perché ingrado di trattenere acqua nei tessuti e quindi mantenere a lungol’idratazione. Nei laboratori, ubicati in Bretagna e in Italia, viene eseguitala lavorazione immediata della materia prima e dei prodotti, per ottenerecosmetici attivi e freschi.

Laboratoires BeWell nel 2014 decide di lanciare per il trattamento viso la linea Make-Up Veg-Up, completamente naturale, biologica, vegana, nontestata su animali, certificata BDIH. Nel 2016 nasce invece Veg-Up face care, anch’essa completamente naturale, biologica, vegana, biodinamica e biodiversa, senza parabeni, paraffine e siliconi, sviluppata sfruttando appieno le virtù di ciò che ci dona il mare: alghe, sale e acqua marina, fitoestratti e ingredienti naturali.

La gamma trucco Veg-Up si compone di numerose referenze che permettono di realizzare un trucco completo con prodotti dalle performance sorprendenti in perfetta filosofia green. Le confezioni rispettano la natura, essendo per lo più in cartoncino riciclato, plastica riciclata e derivata dal mais.

Il prodotto di cui vi parlo oggi, come preannunciato, è la BB Cream 3D.

Il termine “BB Cream” sta per blemish balm, blemish base o beblesh balm diventato più comunemente “Beauty Balm”. Con questo tipo di formulazioni si indicano preparazioni in grado di agire da siero, crema e base uniformante tutto in un unico prodotto. Formulate in Germania per la prima volta negli anni ‘60 per proteggere la pelle dei pazienti dopo la chirurgia, vengono assorbite da metà anni ‘80 dal mercato Koreano e Giapponese per poi diffondersi in America di recente, diventando ormai un must per tutto il mercato occidentale.

Appena ricevuta questa crema, come mia abitudine, ho dato uno sguardo alla lista ingredienti, cosa che faccio per capire più o meno cosa posso aspettarmi dal prodotto prima ancora di averlo provato. All’interno della BB Cream Veg-Up la prima cosa che mi è saltata all’occhio è che la quota acquosa dell’emulsione è costituita da Idrolato di Salvia: ottimo per purificare e rinfrescare l’epidermide, ha un’azione sebo regolatrice che apporta i suoi benefici soprattutto alle pelli grasse e miste.

Questa emulsione è composta dal 99,6% di ingredienti di origine naturale di cui il 44,9% organico. Nella composizione, tra i suoi attivi principali, troviamo quindi:

  • Rhodiola: rassodante e rigenerante, ha la capacità di aumentare le difese antiossidanti della pelle;
  • Hydrolized Wheat Protein: attivo addolcente ed idratante;
  • Laminaria Ochroleuca: alga di Bretagna dal potere idratante e protettivo;
  • Organic Apricot Oil: olio di albicocca dalle proprietà nutrienti ed emollienti;
  • Vitamina E: svolge una funzione antiossidante e protettiva contro gli agenti atmosferici;
  • Maltodestrine: proteggono il principio attivo, migliorano la stabilità e aiutano gli attivi vegetali a penetrare meglio;
  • Acido Salicilico: ottimo in caso di pelle a tendenza acneica per la sua azione purificante e levigante;
  • Salvia Sclarea: già citata in precedenza, dall’azione antinfiammatoria, antimicrobica e riparatrice del tessuto cutaneo;

INCI: salvia sclarea flower/leaf/stem water*, propanediol, aqua, octyldodecyl stearoyl stearate, zinc stearate, squalane, glyceryl oleate citrate, polyglyceryl-2 caprate, caprylic/capric triglyceride, cetearyl alcohol, glyceryl stearate, lauryl olivate, mica, magnesium aluminum silicate, simmondsia chinensis seed oil, alumina, stearic acid, sucrose stearate, potassium palmitoyl hydrolyzed wheat protein, tocopherol, parfum, benzyl alcohol, silica, glyceryl caprylate, sodium stearoyl lactylate, jojoba esters, polyhydroxystearic acid, glyceryl oleate, prunus armeniaca kernel oil*, dehydroacetic acid, olea europaea oil unsaponifiables, polyglyceryl-3 polyricinoleate, malpighia punicifolia fruit extract*, maltodextrin, betaine, saccharomyces cerevisiae extract, laminaria ochroleuca extract, rhodiola rosea root extract, salicylic acid, potassium sorbate, ascorbyl glucoside. Può contenere +/-: ci 77491 (iron oxides), ci 77492 (iron oxides), ci 77499 (iron oxides), ci 77891 (titanium dioxide). *da agricoltura biologica.

Questa crema trattamento è disponibile in tre colorazioni: 01 Sand – 02 Beige – 03 Caramel. Dalla texture bianca e dall’effetto marmorizzato con striature di colore, una volta stesa sulla pelle i pigmenti si fondono e si rivelano adattandosi al proprio incarnato, per un effetto davvero naturale eluminoso che le dà l’appellativo di 3D, non piatto, come alcune basi più coprenti possono dare. Il colore sul viso, dopo la stesura, rimane piuttosto invariato e non ossida scurendosi di tono.

Cosa ne penso

Delle tre colorazioni quella da me testata è la più chiara, la 01 sand. Confesso che questo prodotto è stato per me un grosso “odi et amo”. Le prime applicazioni non mi avevano soddisfatto molto: l’effetto uniformante e, in un certo qual modo, coprente l’ho apprezzato da subito, così come il finish luminoso. Ma il problema principale lo avevo con la tenuta e la lucidità. All’inizio, infatti, dopo poche ore, la mia pelle era come se ributtasse fuori il prodotto applicato e mi lucidavo moltissimo.

Poi, un pò perché se si fa una gara di testardaggine spesso vinco, un pò perché i prodotti mi piace sviscerarli bene prima di catalogarli, ho iniziato a comprenderla! La lucidità iniziale che avvertivo alle prime applicazioni era probabilmente dovuta ad un eccesso di prodotto applicato, ma di quello me ne sono accorta quasi subito. La confezione, infatti, è dotata di un comodo erogatore a pompetta ma la quantità di prodotto che fuoriesce da un solo “pump” per me era troppa, per cui ho iniziato a fermare a metà corsa l’erogatore così da avere un’ottimale dose di crema da applicare.

L’altra motivazione risiede nella composizione, ed è una reazione assolutamente soggettiva: già in altri casi mi era capitato di notare come consistenze troppo cerose non reagissero bene sul mio viso che, di conseguenza, tendeva a “rifiutare” l’assorbimento del prodotto e lucidarsi molto prima del solito.

Fortunatamente, con il susseguirsi delle applicazioni, questa problematica si è attenuata da sé. Suppongo, per questo, di dover ringraziare la salvia sclarea presente in formula che ha evidentemente riassestato la mia produzione sebacea.

Ho applicato il prodotto in diversi modi per testarne resa, coprenza e durata: spugnette, sia di mare che in lattice, pennelli piatti, pennelli duo fibre, kabuki e in ultimo, direttamente con i polpastrelli. Per la mia pelle ed abitudini, nonostante solitamente preferisca aiutarmi con strumenti appositi, il risultato migliore devo dire che l’ho ottenuto però applicando il prodotto proprio con le mani. Distribuisco quindi la giusta quantità dal centro verso l’esterno, esattamente come se stessi applicando il mio normale idratante, ed attendo che si fissi. Si, perché altro errore che commettevo era proprio lì: applicavo la cipria troppo velocemente ed era come se non solo non riuscissi a fissare bene il prodotto ma addirittura mi si creasse una combinazione che mi comprometteva la tenuta.

Adesso che ho imparato a gestirla, il tempo di settaggio è piuttosto rapido, perciò al mattino, dopo il siero viso, applico la crema e poi mi lavo i denti, in modo da lasciarle il tempo di assestarsi bene sul viso; se ho bisogno, con un pennello duo fibre, sfumo bene i bordi e le attaccature per rimuovere eventuali accumuli di prodotto e poi fisso con la cipria. Quelle che hanno dato una combinazione prodotto più performante sono quelle a base di silica come ad esempio la Hollywood di Neve.

Con questi piccoli accorgimenti, che mi portano via davvero pochi minuti, questa BB Cream mi dura perfettamente per quasi l’intera giornata, regalandomi un incarnato luminoso e più uniforme. La coprenza la definirei più che buona, considerando che non è un fondo, e mi permette una base viso ultra veloce e confortevole. Se voglio aumentarla, ma avere comunque una base più leggera, al posto della cipria applico con un pennellone del fondo minerale o un fondotinta compatto.

Vi ho raccontato di tutte queste mie vicissitudini per sottolineare che non sempre i prodotti sono immediati da capire ed è sempre un bene concedersi il giusto tempo di testing. Così non si rischia di perdere delle chicche e referenze che possono diventare invece ottimi alleati!

Un ringraziamento speciale alla nostra Dott.ssa Chiara Fibbi per questo magnifico articolo! E a voi ragazze, è mai capitato di rivalutare un prodotto che all’inizio avevate bocciato? Fatemi sapere! Alla prossima!

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE

  • Denominazione: BB Cream 3 D
  • Formato: confezione airless con pompa per l’erogazione
  • Quantità: 30 ml
  • Prezzo: 23 euro
  • PAO: 6 mesi
  • Certificazioni: 100% Natural Origin, Against Animal Testing, Vegan, BDIH
  • Disponibile in 3 colorazioni
  • Dove acquistarla: sul Blog, nella sezione SCONTI, potete trovare tutti i nostri partner con relativi codici sconto. Buon shopping!

VEG-UP

Vai al Sito
Grazie per aver letto questo articolo.
Seguimi anche su
  1. Silvia ZanettoSilvia Zanetto ha detto:

    Infatti sempre troppo scuri e aranciati, per fortuna che c'è misstrucco col suo porcelain,mai colore piu azzeccato per me:)

  2. Sarina CavullaSarina Cavulla ha detto:

    Ciao, mia mamma 65enne,pelle mista con rughe profonde. Vorrebbe una crema colorata, pensi che questa possa andare bene da usare quando esce? Non da tutti i giorni intendo. Grazie mille

  3. Io uso la bb cream di garnier che su di me è l'unica che funziona, questa potrebbe essere una valida sostituta, mi piacerebbe provare un campioncino invece di andare alla cieca. Purtroppo questo è il deficit degli acquisti online, da me la bioprofumeria più vicina è ad ore ed ore.

  4. Elena RossiElena Rossi ha detto:

    In Italia mannaggia Silvia non hanno ancora imparato che esistono ragazze davvero chiare chiare e molto scure. Spero si aggiornino con le nuance con gli USA.

  5. Silvia ZanettoSilvia Zanetto ha detto:

    Ciao , certo che se questo è il colore più chiaro per le cadaveriche come me non c'è speranza di provarlo, mi sembra tanto scuro e aranciaro :(

  6. Aggiunta alla lista di prodotti da provare!

  7. svals82svals82 ha detto:

    Articolo molto interessante e ben fatto.. aspettavo da molto una recensione di questa bb perché mi aveva incuriosita .. grazie davvero utile,ora ho le idee molto più chiare!

  8. lorydelledonnelorydelledonne ha detto:

    Bellissimo articolo. Hai praticamente posto l'attenzione su tutte le problematiche che possono capitare con un prodotto nuovo dandoci suggerimenti preziosi. A me era successo così con l'Hydra Jeunesse di Couleur Caramel...poi piano piano ho trovato le giuste dosi e il modo giusto per me di applicarlo e l'ho amato. Il brand Veg up fin'ora mi è piaciuto in tutto (le liquid eye pencil hanno una durata pazzesca)... sarà da provare anche questa BB visto che si avvicina la primavera ?

  9. Armonia CosmesiArmonia Cosmesi ha detto:

    Grazie! Sono ancora in cerca della "mia" BB Cream. Sarebbe possibile avere gli swatches di tutte le colorazioni? Grazie Marina

  10. lunikalunika ha detto:

    Brava Chiara, bell'articolo , aspetto di vedere le colorazioni ma già dal.nome dubito ci sia la mia. Tendo a prendere sempre le più chiare (e non lo sono sempre abbastanza) ma devono essere neutre, ma neutre davvero, o appena rosate e sabbia mi sa tanto che non può esserlo eheheh

  11. Sarina CavullaSarina Cavulla ha detto:

    Nuovo bisogno....appena smaltisco un po di bb la prendo di sicuro! Sono proprio curiosa di provarla. Bella recensione

Lascia un commento