Blush Ciprie Eyeliner, Matite e Ombretti Fondotinta Illuminanti e Terre Make-Up Review

La ricetta di Zao make-up: rispetto per la Terra e la pelle, su “letto” di armonia

Oggi desidero parlarvi di un brand che fa della gentilezza un vero marchio di fabbrica. Una realtà che ha trovato il suo equilibrio puntando su una materia prima sostenibile come poche, che arriva spontaneamente dalla natura per tornarci, dopo essere utilizzata una infinità di volte. Sto parlando di Zao, creatura fondata dai tre amici David Reccole, Philippe Donnat e Yvan Rouvier quasi dieci anni fa, tre anime allineate sul piano imprenditoriale e innamorate della natura, consapevoli dell’impatto dell’uomo sul pianeta. 

La scintilla del progetto scatta in David Reccole, uno dei tre cofondatori, da sempre appassionato viaggiatore, con la mania per l’Asia e le sue meraviglie. I suoi viaggi fra India, Cina e Vietnam sono l’ispirazione, il “brodo primordiale” in cui il progetto Zao prende forma. E manco a dirlo, il nome è una fusione delle parole “zen” e “tao”, che insieme evocano al meglio la contemplazione dei ritmi naturali e l’equilibrio, tanto sacro quanto fragile, dei processi naturali. 

La meraviglia del bambù

Un giorno David riceve in regalo da un amico di Taiwan un cofanetto contenente una matita e una penna in bambù, oggetti dal calore e dalla bellezza unica, che il co-founder di Zao plasma e rimodella istantaneamente con i suoi occhi. 

Se è possibile realizzare oggetti per la scrittura in bambù, lo si può tranquillamente fare anche per tutte le referenze di un marchio di make-up”, pensa. Il bambù diventa dunque il tratto distintivo dell’azienda: un legno molto sostenibile, duttile e cavo, che può essere riempito non solo di referenze ma anche di idee, non una volta sola ma per decine di volte.  

I tre soci danno quindi vita a un catalogo di referenze certificate Bio, impreziosite da packaging sostenibili, in cui svetta l’eleganza e la modernità del bambù, che viene anche impiegato nelle formulazioni per le sue proprietà sotto forma di polvere di linfa, idrolato o macerato dal rizoma. Il bambù ha infatti una peculiarità straordinaria, ossia quella di essere ricco di silice organica, un elemento naturalmente presente nel nostro corpo che partecipa al processo di produzione del Collagene e che preserva l’elasticità dei tessuti. 

Il bambù è una materia prima ecologica che ha una crescita rapida spontanea in natura, che non necessita di alcun fertilizzante o pesticida. Le canne di bambù si sviluppano in media in 4-5 anni prima di poter essere raccolte e impiegate, a differenza dei decenni richiesti da un albero. E il bambù scelto da Zao viene gestito in maniera sostenibile in foreste endemiche, in un’area protetta del globo. Il packaging secondario è invece una deliziosa pochette realizzata in fibra di bambù, che protegge gli strumenti di make-up al meglio e che può essere riutilizzata all’infinito anche per altri scopi.  

Etica e materie prime preziose

Oggi Zao si impegna quotidianamente nel proporre una gamma completa di soluzioni per il make-up contraddistinte da formule irreprensibili, con il 100% di ingredienti di origine naturale, senza derivare del petrolio né conservanti sintetici. Uno sforzo per la salute del pianeta e della pelle: le materie prime sono infatti ricavante da trasformazione non inquinante e semplice di un vegetale o di un minerale, quali estratti di pianta, oli e burri vegetali, pigmenti minerali. Una condotta che ha permesso a Zao di diventare un marchio “Slow Cosmetique”, in cui la selezione accurata delle materie prime è un comandamento imprescindibile. s

Ad esempio, colpisce la scelta di impiegare nelle formulazioni la polvere d’argento micronizzata, che oltre ad essere un conservante rispettoso della pelle, vanta proprietà antisettiche e antibatteriche note universalmente. Si tratta di una materia prima costosa, ma ciononostante Zao la inserisce in quasi tutte le sue referenze. 

Referenze che sono tutte certificate da Ecocert, secondo i disciplinari di Ecocert Greenlife e Cosmos Standard e marchiati Cosmebio.

Biologico significa per Zao la decisione incrollabile di puntare su materie prime che non prevedano ovviamente l’impiego di fertilizzanti chimici o pesticidi in agricoltura, sia per proteggere e salvaguardare l’ambiente, sia per tutelare la pelle dei consumatori. Questa scelta permette ai prodotti Zao di vantare un’alta dermocompatibilità. 

Rispetto del pianeta significa anche rispetto della fauna, ecco perché nessuna materia prima e nessuna referenza finita vengono testate su animali, così come è assolutamente escluso l’utilizzo di sostanze di origine animale (ad esempio cera d’api o cocciniglia), mentre le setole dei pennelli sono tutte in materiale sintetico e mai realizzate con peli animali. Questo consente al brand di essere certificato Vegane Cruelty Free da Peta.

Inoltre dal 2020 Zao collabora con l’associazione francese Terre & Humanisme in un progetto sociale volto a promuovere l’autonomia alimentare in Benin. Questa associazione francese si trova nel dipartimento dell’Ardèche, a meno di 2 ore dalla nostra sede, Terre & Humanisme è stata fondata nel 1994 da amici di Pierre Rabhi che si sono ispirati alla sua visione dell’agroecologia. Oggi la vocazione dell’associazione è condividere, trasmettere e sostenere l’agroecologia. Ha lo scopo di trasmettere conoscenza, con la voglia di accompagnare un cambiamento nella società e nelle pratiche agricole verso un’alternativa etica. In questo progetto Terre & Humanisme sostiene ORAD (Organizzazione popolare per l’agricoltura sostenibile), un’associazione beninese, per attuare il progetto sul campo.

Questo progetto, avviato nel 2020, mira a formare e supportare 10 donne nella creazione di orti domestici agroecologici nella regione di Djougou in Benin. L’obiettivo è quello di guidarle verso l’autonomia alimentare aiutando ciascuna di loro a realizzare e gestire un orto di 36 mq e piantando alberi per partecipare al rimboschimento della regione. L’obiettivo di ORAD e Terre & Humanisme è dimostrare che con pochi mezzi le donne possono utilizzare le risorse disponibili per creare ricchezza, mangiare bene e partecipare alla salvaguardia dell’ambiente.

Sulla base di 7 giorni di formazione tematica e risorse materiali, queste 10 donne hanno potuto raggiungere gli obiettivi dell’associazione in un anno. Il successo di questo progetto ha permesso di avviare una nuova missione su larga scala per il 2021-2022. Infatti, gli abitanti dei diversi villaggi delle donne coinvolte nel primo progetto hanno mostrato una grande curiosità per tutta la missione, che ha portato alla realizzazione di un nuovo progetto.

L’obiettivo di questo nuovo progetto è formare 40 nuove donne supportandole nella creazione delle loro micro aziende agricole, e poi per includere le prime 10 donne formate nel lancio di un asilo nido collettivo e nella trasformazione della manioca in gari (semola di manioca ottenuta dalla fermentazione). Per queste due attività complementari, Zao si impegna a sostenere finanziariamente il progetto per il secondo anno consecutivo.

Riuso e Riciclo, un comandamento

La cosa però che, oltre a queste caratteristiche appena citate, rende unico Zao è l’utilizzo di packaging ricaricabili, un messaggio concreto in più sul piano della sostenibilità ambientale. E’ una scelta che il marchio definisce non solo ecologica, ma anche economica (visto che le ricariche di make-up costano meno delle palette nuove) e ludica, perché permette alla clientela di creare le proprie palette colori personalizzate in tutto e per tutto, e di dare libero sfogo alla creatività.

Questa sensibilità per l’ambiente dell’azienda si estrinseca anche con le Eco-Box brevettate dal brand, dei contenitori dislocati presso i rivenditori ufficiali che distano nel raggio di 200 km dalla sede aziendale francese, in cui depositare stick, flaconi, tubetti e cialde esaurite, e che vengono personalmente gestite sul piano del riciclo da parte della stessa azienda. 

Ingredienti eccezionali per un make-up sano per la pelle

Zao formula quindi solo con ingredienti naturali come oli vegetali, cere, estratti vegetali (ad esempio bambù, burro di karité, albicocca, mais) senza aggiunta di conservanti o profumi di sintesi. Gli ingredienti sono scelti in base alle loro proprietà specifiche per combinare al meglio l’efficacia del make-up (colori, tenuta, resa, textures) e i benefici per la pelle. Vediamone alcuni nel dettaglio. 

  • Bambù – E’ l’ingrediente protagonista assoluto del brand. Utilizzato sotto forma d’idrolato, di polvere e di macerato nei prodotto, è ricchissimo di silice organica il cui apporto esterno aiuta a mantenere l’elasticità della pelle.
  • Burro di Karité Bio – Estratto dalle noci di Karité, un albero che cresce solo allo stato selvatico nella savana arborata dell’Africa occidentale. La sua composizione ricca di acidi grassi conferisce proprietà idratanti e nutrienti.
  • Polvere di Riso Bio Uno dei più antichi ingredienti cosmetici. Ha la facoltà di opacizzare la pelle senza ostruire i pori regolando la secrezione di sebo.
  • Olio di Ricino Bio  – Quest’olio è interessante perché emolliente e permette d’ammorbidire e addolcire la pelle. È anche idratante, aumenta il contenuto d’acqua della pelle e la mantiene morbida e liscia.
  • Squalano Vegetale – Estratto dall’Olio d’Oliva, lo Squalano vegetale è un derivato dello Squalene, che è un componente naturale del sebo umano. La sua eccellente affinità con la pelle, la sua somiglianza con i lipidi cutanei naturali e le sue proprietà emollienti ne fanno un attivo ideale. Rafforza la barriera idrolipidica cutanea, ammorbidisce la pelle e la protegge dalla disidratazione.
  • Gomma d’Acacia BioLa gomma d’Acacia o gomma arabica che proviene dalla resina secreta dall’albero Acacia Senegal, viene utilizzata come agente d’adesione, per migliorare la tenuta del mascara e dell’eyeliner Zao.
  • Burro di Melograno BioL’estratto di melograno non solo offre un ottimo livello di idratazione ma è anche un valido aiuto nella rigenerazione cellulare e nella lotta contro i radicali liberi responsabili dell’invecchiamento cutaneo. Aumentando la sintesi del collagene, combatte la formazione di piccole rughe sul contorno delle labbra.
  • Polvere d’Argento MicronizzataPresente in piccolissime quantità, l’argento puro svolge il ruolo fondamentale di conservante naturale grazie alle sue qualità antibatteriche e antisettiche per la pelle.

Palette colori di cui innamorarsi

Un rapporto di Zero Waste Week ha rilevato che l’industria della bellezza produce l’incredibile cifra di 142 miliardi di pezzi di packaging ogni anno. Va da sé che la sostenibilità e la creazione di formule pulite debbano andare di pari passo, non credete?

Come ben sapete ho una vera e propria passione per le palette, per questo motivo, le referenze che mi hanno fatto letteralmente impazzire del catalogo Zao sono appunto quest’ultime: bellissime nel design, nel colore e nella praticità d’uso. Trasmettono calore e sono oggetti davvero gradevoli, da portare sempre con sé e che certamente stimoleranno la curiosità di chi le vedrà per la prima volta. 

La caratteristica che le rende davvero uniche (come del resto tutte le referenze di Zao) sta nella loro funzione sostenibile: il loro fondo magnetico permette di disporre tutti i formati (Ombretti, Fard, Terra cotta minerale, Polveri per le sopracciglia e Polveri compatte) e permettono quindi una gestione easy e divertente di queste tavolozze, che possono cambiare di volta in volta in base al trend di stagione. 

Di seguito potete ammirare gli swatches degli ombretti che ho scelto per comporre le mie palette.

Devo ammettere che nel mondo make-up non sono molti i brand che possono vantare una attenzione e una sensibilità paragonabile a quella di Zao nei confronti dell’ambiente. L’impiego di plastica e di derivati del petrolio è ancora massivo e vorrei che tanti seguissero la strada tracciata da questo magico brand francese. 

L’estetica delle palette ma anche di tutte le altre referenze make-up è davvero piacevolissima, le texture che ho testato mi hanno dato soddisfazione, raddoppiata dalla consapevolezza che con Zao si usano trucchi di origine naturale, sostenibili e con materie prime sane per la pelle. E’ una realtà che consiglio, perché il mio desiderio è che il concept possa espandersi, anche la stessa Zao, magari con una rete più capillare anche delle Eco-Box. 

La possibilità di sfogarsi sul piano creativo che il brand dà ai suoi clienti è davvero un ingrediente magico, specie per me che amo sbizzarrirmi con sfumature e blend-cromatici. Insomma, accedendo alla galassia Zao potete gratificare la vostra make-up routine praticamente su tutti fronti: estetica nei packaging, sostenibilità ambientale e rispetto per il mondo animale, scoperta di un’anima ecologica che punta a innescare un circolo virtuoso a livello globale, riciclo e reimpiego dei packaging, qualità delle formulazioni e resa. 

Cosa chiedere di più?

ZAO MAKE-UP

Vai al Sito
Grazie per aver letto questo articolo.
Seguimi anche su
  1. ElyMartyElyMarty ha detto:

    Finalmente vedo degli swatch reali degli ombretti che non trovavo in rete!!! Mi sa che farò un giro sullo shop di Daniela :) bellissime immagini!

Lascia un commento