Cura del Viso Cura delle Labbra Detergenti e Struccanti Green K-Beauty Oli per il Viso Review Tonici e Idrolati Urang VanitySpaceBlog

URANG | Korean Beauty Skin-care

K-Beauty è il sinonimo di KOREAN BEAUTY, un trend che entro il 2020 secondo il Financial Time, arriverà a registrare un incremento esorbitante. Fate conto che mentre scrivo, si notifica un fatturato superiore a 2,75 miliardi di dollari. Per capire il perché di questo successo, dobbiamo conoscere i plus della cosmesi coreana, e credetemi…non sono pochi!

  1. Formule multiuso
  2. Fusione tra Oriente e Occidente
  3. Ingredienti sempre più Green
  4. Risultati immediati e a lungo termine
  5. Altamente tollerabili
  6. Ricerca in costante evoluzione con particolare attenzione rivolta allo studio del Microbioma umano, ovvero il numero di microrganismi, (tra cui batteri), che vivono sulla superficie della nostra pelle ed anche dentro al nostro corpo. Fattori estremamente importanti in grado di influenzare la fisiologia della pelle, che come ben sapete tramite un’influenza esterna può subire modifiche e alterazioni di diverso tipo
  7. Obiettivo primario: anti-pollution! Perché l’inquinamento è la prima causa di invecchiamento precoce
  8. Hanno sempre, in ogni linea, un prodotto “cocooning” in grado di far fare alla donna uno “stop & rewind” per prendersi cura di sé stessa, vedi ad esempio le famose “Sheet Mask”.

Questi 8 punti fanno della Corea uno dei top driver dell’economia mondiale ma non sono gli unici a determinarne il successo. Infatti non basta solo l’innovazione, che di per sé è già un grande inizio, servono ottime strategie di marketing e un posizionamento sul mercato efficace. Una delle fortune più grandi dei Brand made in Corea è il governo che supporta in maniera magistrale l’industria nazionale, con particolare attenzione nei riguardi dell’Entertainment, perché attraverso la musica, i film e la televisione si è in grado di divulgare meglio, prima in Asia e poi in tutto il mondo, la cultura e lo stile di vita coreano, facendo così da traino alla domanda estera dei prodotti realizzati in questo piccolo stato.

Uno dei Brand Organici 100% Made in Corea che ha nel suo DNA questi plus, è senza ombra di dubbio URANG, che ho avuto il piacere di provare grazie alla splendida collaborazione con Élie Cosmetics, distributore italiano, nato da un’idea di Dejana Vugdragovic.

La nostra è un’avventura iniziata con un viaggio di 3 settimane a Seoul e dintorni, visitando fiere e sedi di aziende cosmetiche. Durante questa missione abbiamo abbiamo stretto mani, apprezzato una nuova cultura, visitato la città e studiato il dietro le quinte dell’industria cosmetica coreana. Siamo partiti dall’Italia con idee chiare su alcuni brand, accattivanti per immagine, formule e packaging, tuttavia la conoscenza diretta delle persone, prima che delle aziende, ci ha fatto prendere una via inaspettata e sorprendente. Tornati in Italia con innumerevoli proposte di collaborazione, ed una valigia piena di maschere, URANG è uno dei brand rimasti nel nostro cuore dal momento in cui l’abbiamo conosciuto, motivo per il quale abbiamo lavorato senza sosta per tradurre tutte le informazioni in italiano, e lanciarlo così sul mercato italiano. Mauro Marinello, Founder di Élie Cosmetics.

Parliamo ora di Urang, la cui a storia è quella di Jina Lee, founder dell’azienda. Urang è nata nel 2016 in Corea, il nome deriva da “Uginong sARANG”, amore per l’organico. Jina e la sua famiglia soffrono di dermatite atopica, condizione della pelle particolarmente difficile da trattare e controllare. Provando moltissimi cosmetici differenti per la sua routine, con l’occhio esperto della sua esperienza di aromaterapista, si accorge che non esiste una gamma di prodotti skincare priva di sostanze artificiali, e questo problema la preoccupa particolarmente durante e dopo la nascita dei suoi figli. Inizia così lo studio delle formulazioni, all’inizio auto-prodotte e proposte ad amici e conoscenti. Gli ottimi riscontri la convincono ad iniziare una produzione per il mercato coreano. L’espansione internazionale non è stata pianificata, bensì inizia con il grande interesse degli appassionati di skincare di qualità, che giorno dopo giorno fanno di URANG un’eccellenza internazionale.

URANG è uno dei pochi brand K-BEAUTY nella categoria “ORGANIC“. In soli 2 anni riesce a conquistare la fiducia di molti consumatori negli USA, in India, in Giappone, in Italia, in Svizzera ed ovviamente in Corea nei department store e nelle vie dello shopping di Seoul.

La filosofia nella scelta degli ingredienti usati nei prodotti Urang è riassunta in 4 punti:

  1. Uso di materie prime con il minimo rischio per ogni tipo di pelle ed ogni età.
  2. Ingredienti BIO certificati dai principali enti riconosciuti a livello internazionale.
  3. Obiettivo pelle sana e fresca, grazie all’uso di Oli Essenziali Naturali ed ingredienti di derivazione naturale miscelati da una aromaterapista.
  4. Fiducia di lungo termine con il consumatore, con la promessa di fornire prodotti di alta qualità che possono essere usati senza preoccupazioni ad ogni età.

Tradotto in numeri, questi sono i valori medi disponibili nei prodotti cosmetici Urang:

  • 99,88% in contenuto di ingredienti naturali
  • 89,3% in contenuto di ingredienti organici certificati

Jina Lee, Founder di Urang 

Ma ascoltiamo Jina ragazze, sapete che per me è importante farvi vedere il dietro le quinte di ogni azienda con cui collaboro, motivo per il quale desidero farvi leggere l’intervista di Élie Cosmetics a Jina Lee, founder del brand Urang, in occasione del Press Day per la presentazione ai professionisti italiani di biocosmesi.

Jina, ci puoi introdurre il mercato della cosmesi in Corea del Sud?

I consumatori coreani sono molto interessati ed attenti alla bellezza della pelle, quindi sono naturalmente presenti moltissimi marchi. In realtà è un mercato molto saturo. Ovviamente le grandi aziende detengono oltre il 70% della quota di mercato in Corea, mentre una quota di mercato del 15% appartiene ai marchi come Missha o TonyMoly (in Europa presente da Sephora) e il 15% è riservato ai marchi come il nostro. Questa nicchia è estremamente competitiva, con oltre 8000 brand. La tendenza attuale si chiama “naturale”, quindi si trovano molti marchi che si promuovono con questo concetto di “naturale”; tuttavia è difficile trovare dei prodotti “veramente naturali”. Ed è ancora più raro avere dei cosmetici bio coreani.

Che cosa ti ha motivato a creare Urang?

Sia io che mio marito soffrivamo per le condizioni della pelle atopica, e quando sono rimasta incinta, volevo davvero usare qualcosa che fosse sicuro per me e mio figlio. Ho iniziato a prestare molta attenzione ai prodotti ed agli ingredienti che utilizzai. Ho imparato che alcuni degli ingredienti che entrano nei prodotti di bellezza possono essere potenzialmente tossici, quindi ho iniziato a studiare gli ingredienti cosmetici, la chimica cosmetica, le fragranze e persino come realizzarli. Ero così innamorata degli prodotti naturali e biologici che ad un certo punto stavo spendendo quasi 2000 euro al mese! Quindi posso dire che conosco ed ho provato molti prodotti naturali e biologici (ride). Ad un certo punto ho iniziato a creare i miei saponi, profumi, lozioni, creme e alla fine ho fondato l’azienda. Il mio hobby è diventata la mia passione, ora tutta nel mio marchio.

Come si pone Urang con le varie certificazioni bio?

I prodotti Urang non sono al momento certificati. Il processo per ottenere la certificazione è in corso, prevediamo ci vorrà qualche mese ancora a causa di tutti i documenti e le ispezioni, ma abbiamo i prodotti in regola e tutto procederà liscio. Il nostro obiettivo è ottenere la certificazione entro il 2018. Per essere chiari, tutti gli ingredienti che utilizziamo sono certificati organici dai principali enti: NOP (Stati Uniti), Soil Association (Inghilterra), Lacon Institut (Bulgaria).

Dove vedi Urang in futuro?

Questa è una domanda difficile. Quando ho iniziato a creare il mio marchio volevo solo condividere i prodotti in cui ho veramente creduto e amato. Il mio obiettivo iniziale era di rendere URANG un marchio naturale e organico ben noto in Corea, ma ora sono nella speranza che URANG diventi un marchio globale stabile che rappresenta il settore di naturale e biologico.

Conosci l’Italia ed il valore di Urang per il cliente italiano?

Quello che so dei clienti italiani è che sono molto informati, hanno un gusto sofisticato e comprano solo ciò di cui si fidano. Anche l’Italia ha una grande tradizione di cosmesi naturale e ci sono tantissimi ottimi produttori di erbe naturali, infatti è probabile che nei prossimi prodotti troverete tra gli ingredienti degli oli essenziali di produzione italiana. Mi piace molto il fatto che questo settore in Italia sia così sviluppato e che i clienti abbiano questo livello di attenzione.

Quali sono le tue aspettative per Urang in Italia?

È meraviglioso il fatto che ci siamo e sono estremamente grata di aver incontrato un ottimo distributore in Italia. Sono contenta che hanno colto il valore di URANG e vogliono introdurre i nostri prodotti in Italia. Dato che l’Italia ha clienti così sofisticati che già conoscono il settore delle erbe e dei cosmetici naturali, spero che anche loro possano amare URANG. Le mie dita sono incrociate e le mie speranze sono alte.

Vuoi lasciare un messaggio a chi si trova a leggere la tua intervista?

Siamo entusiasti di avere la possibilità di presentarci in Italia e speriamo che anche tu possa amare URANG! Gli ingredienti che entrano nei miei prodotti sono della massima importanza per me. Se un ingrediente non è conforme al mio standard personale, semplicemente non lo usiamo. La mia motivazione viene dalla mia famiglia. Urang è nato per la mia famiglia e, poiché lo uso, e i miei cari lo usano, continuerò a mantenere il valore di URANG. Naturalmente, oltre ad essere sicuri e buoni, i prodotti funzionano molto bene!

URANG ha una linea essenziale davvero ben strutturata da cui ho potuto scegliere diverse referenze e nello specifico:

  • Creamy Bubble Foam Cleanser
  • Neroli pH Balancing Mist
  • Rose pH Balancing Mist
  • Vitamin Oil Serum
  • Glow Oil Serum
  • Multibalm

Vitamin Oil Serum – 92.5 di ingredienti certificati BIO

Olio viso dedicato ad una idratazione che dev’essere ricca per la pelle che sente i primi segnali di invecchiamento, piccole rughe, pelle spenta e macchie. Con una miscela di 8 oli tra quali jojoba e rosa mosqueta, inserendo Vitamin Oil Serum in routine quotidiana la pelle guadagnerà in idratazione e luminosità. Il siero penetra facilmente, non lascia residui grassi. Per un assorbimento ancora più veloce, consigliamo di usare il tonico subito prima dell’applicazione.

A chi lo consiglio: Pelle secca, mista e normale. L’Olio di Jojoba ha un effetto calmante ed una struttura molto simile al sebo, quindi la pelle sentendosi idratata dal film protettivo creato, regola naturalmente la produzione di sebo. Dopo un periodo iniziale, la pelle potrebbe guadagnarne in aspetto.

Glow Oil Serum – 99.25% di ingredienti certificati BIO

Sempre della famiglia degli oli-sieri, è una miscela di 7 oli adatti per idratare la pelle molto sensibile, grazie all’effetto calmante della camomilla e della calendula. Può essere usato anche nei bambini a partire da 3 mesi di età.

A chi lo consiglio: Pelle secca e normale. Lo sconsiglio in caso di pelle grassa perché contiene olio di mandorla dolce che potrebbe creare diverse imperferzioni.

Rituale di applicazione 

Nelle routine Urang il miglior effetto si ottiene quando, dopo una pulizia della pelle, si spruzza l’acqua floreale (o altro tonico) e si prosegue massaggiandosi il viso con due, tre gocce di Vitamin Oil oppure Glow Oil. Dopo due minuti il viso è già asciutta, senza traccia di untuosità.

Multibalm – 95.5% di ingredienti certificati BIO

Un balsamo multiuso per tutti tipi di irritazione cutanea e pelle secca. Particolarmente adatto per: irritazione da pannolini, capezzoli irritati da allattamento, gomiti e ginocchia secche. Non adatto ai vegan perché contiene cera d’api.

Creamy Bubble Foam Cleanser

Detergente in schiuma 99,9% naturale, per la pulizia della pelle, viso e anche capelli. E’ capace di rimuovere sebo e make-up leggero. I tensioattivi contenuti sono naturali. Il grande punto di forza di questo cleanser è l’effetto idratante e calmante rilasciato alla fine della fase di pulizia, difetto che hanno altri prodotti simili. E’ un bel vantaggio per le pelli più sensibili. Non contiene nessuna profumazione, quindi indicato per le pelli sensibili o per le persone allergiche alle profumazioni sia sintetiche che naturali. Il prodotto non è adatto ai Vegan perché contiene glicerina.

A chi lo consiglio: adatto a tutti tipi di pelle.

Nota per chi soffre di eczema: ha un pH leggermente alto, arriva circa a 7, perciò se soffrite di eczema, prestate attenzione se lo usate. Vi consiglio di applicare il tonico immediatamente dopo il risciacquo, per ribilanciare rapidamente il pH.

Neroli pH Balancing Mist – 100% Organic Neroli Flower Water

Mist estratta dai fiori d’arancio amaro, il cui  profumo somiglia molto a quello del bergamotto.  Perfetto sulla pelle sensibile con capillari in evidenza grazie al suo effetto calmante e astringente. E’ inoltre l’alleato perfetto della pelle grassa spesso incline all’acne perché combatte l’eccessiva produzione di sebo.

Rose pH Balancing Mist – 100% Organic Rose Floral Water

Mist composta al 100% da Acqua di Rose Damascena, la Rosa più bella del mondo che vanta svariati benefici per la salute e la bellezza. Antinfiammatoria, rinfrescante, tonificante, anti-age e lenitiva. 

Entrambe le formulazioni sono Vegane e formulate senza profumi sintetici, additivi, prodotti di sintesi nocivi o conservanti. 

Rituale di applicazione

Dopo la pulizia, tenendo il flacone a circa 20 cm di distanza, nebulizzare generosamente sul viso e successivamente applicare il proprio trattamento. Potete utilizzare queste mist anche per  rinfrescare il viso durante il giorno, soprattutto nel periodo estivo.

STEP della K Beauty

  1. Olio detergente – Detersione per affinità
  2. Detergente schiumogeno – Detersione per contrasto
  3. Peeling
  4. Tonico
  5. Essence
  6. Siero
  7. Maschera
  8. Contorno occhi
  9. Crema Idratante o Sleeping Mask
  10. SPF

Per comprendere meglio tutti i passaggi, vi invito a guardare sul mio canale You Tube, il video dedicato alla K-Beauty – CLICCA QUA.

I prodotti Urang disponibili su www.eliecosmetics.com sono certificati secondo le Normative Europee e sono spediti dalla sede italiana. La linea completa Urang debutterà per i professionisti e gli amanti della bio-cosmesi in occasione di SANA 2018. Spero che l’articolo vi sia piaciuto ragazze. Come sempre vi do appuntamento al prossimo articolo! Un abbraccio grande…

URANG

Vai al Sito
Grazie per aver letto questo articolo.
Seguimi anche su
  1. virna77virna77 ha detto:

    Con la promo di The K Beauty ho acquistato tre prodotti Urang e non vedo l'ora che arrivino per provarli!!!

  2. lunikalunika ha detto:

    Complimenti per l'intervista, bellissima come sempre! La cosa che ha catturato la mia attenzione è la Creamy Bubble Foam cleanser, sembra un prodotto davvero interessante, poi se va bene anche per i capelli è perfetto quando si va in viaggio!

  3. Tiziana RinaldiTiziana Rinaldi ha detto:

    Articolo fantastico. Da quando ho scoperto la routine coreana, la mia pelle ne ha tratto solo benefici. Non lo vedo semplicemente come un rituale di bellezza, ma come un momento in cui coccolarmi e prendermi cura di me stessa, in tutta calma. Trovo che sia un brand molto interessante, come del resto tanti cosmetici made in Corea. Adoro i packaging così sofisticati, data la mia passione per oli e sieri so già cosa puntare per i prossimi acquisti :)

  4. lorydelledonnelorydelledonne ha detto:

    Grazie per questo articolo che ci consente di approfondire ancor di più il mondo della k beauty. Dopo il tuo video mi si è aperto proprio un mondo e mi sto trovando benissimo con gli step della K Routine, quindi mi fa tanto piacere scoprire nuovi prodotti ottimi in tal senso.

  5. Ma che meraviglia di prodotti!!!!adoro la Skincare coreana, ha ridato vita alla mia pelle!!ho un debole per questo tipo di prodotti!!e sono molto interessata alla mist 😍 ps articolo più che meraviglioso!!uno dei più belli che ho letto finora ❤️

  6. Francy_viFrancy_vi ha detto:

    Che bell'articolo e che bei prodotti! Molto interessante anche il fatto che siano stati pensati per una specifica problematica ma che che Jina abbia pensato anche a dare consigli più specifici per adattarli a pelli diverse e con problematiche di altro tipo. I pack, poi, sono meravigliosi! Eleganti e raffinati. Mi piacerebbe poter provare il tonico al neroli e il vitamin oil serum. :) Penso che l'olio in inverno potrebbe essere qualcosa di splendido.

  7. Complimenti un articolo completo e e scorrevole nella lettura. Mi hai davvero incuriosita, questi prodotti sono davvero fantastici 😉

  8. Marta GhirardiMarta Ghirardi ha detto:

    Articolo super dettagliato e molto interessante. È un piacere conoscere nuovi brand di questa rilevanza! Grazie Elena per il continuo approfondimento e aggiornamento!

  9. FedericaFederica ha detto:

    Buon pomeriggio cara Elena mi sono innamorata di questo articolo come sempre e come tutti gli altri....Mi piace conoscere le aziende in questo modo e sono contenta perchè in questo articolo trasparente tutto l'amore che la fondatrice ha verso il suo Brand e i suoi ideali... Ovviamente anche io penso che la skin-care coreana sia quella più completa e all'avanguardia di tutti e mi fa piacere che il mondo bio si stia ampliando anche li

  10. Elisa TartraElisa Tartra ha detto:

    Come sempre articolo bellissimo e ricco di nuove informazioni ❤ conoscevo ben poco di questa skin care...grazie 😊 primo o poi mi impegno e la proverò 😚

  11. Susanna PuopoloSusanna Puopolo ha detto:

    Sono da sempre incuriosita dalla k beauty ed ovviamente non potevo perdermi l'articolo di Elena. Me lo sono gustato in pausa pranzo al lavoro

  12. Fedi TamponiFedi Tamponi ha detto:

    Articolo bellissimo e intervista davvero interessante. Conosco e uso prodotti coreani da diversi anni, ma ora che sono passata al bio, per la mia skincare, mi rendo conto che si fa fatica a trovare marchi con inci "puliti"; ogni tanto mi faccio tentare da qualche prodotto, cercando quelli dall'inci "meno peggio", però sono contenta che tu ci stia introducendo a questi marchi! Costano un pochino, per le mie attuali possibilità, ma insomma, pian piano li proverò!

  13. Mariaelena39Mariaelena39 ha detto:

    Buongiorno, che meraviglia questi prodotti. Ho visto che usano molto gli oli e gli idrolati. Di solito uso gli oli in inverno perché ho paura che il caldo me li butti fuori. Leggendo l’articolo li posso usare sempre con la pelle bagnata. E danno molta più idratazione. Il Glow oil Serum ho letto nel sito che lo vende che è ottimo anche per bambini dai 3 mesi in su. Fantastico😍😍

  14. La K Beauty è secondo me l’apoteosi della skin care. Spero di poter provare presto dei prodotti di questa azienda, perché questo articolo mi ha incuriosito molto. Grazie per l’articolo molto esaustivo, Elena

Lascia un commento