Cura del Viso Curiosità VanitySpaceBlog

Pelle matura – Caratteristiche e trattamenti

Ciao ragazze, bentornate sul Blog.

Oggi affrontiamo un tema caro a molte di voi: la pelle matura.  Vanity Space è un gruppo composto da moltissime donne ed una buona fascia varia dai 45 ai 65 anni. Con questo articolo, in attesa di girare il video, cercherò di affrontare il tema fornendo una risposta a tutti i quesiti che mi avete posto.

Nel corso degli anni, la pelle subisce delle trasformazioni a livello cellulare e strutturale che producono un cambiamento progressivo di quello che è l’aspetto esteriore. A seconda dello stile di vita e di altri fattori che vedremo in seguito, si determina:

  • Minor rinnovamento cellulare
  • Perdita di idratazione
  • Perdita di collagene e di fibre elastiche (l’attività dei fibroblasti si riduce già dai 30 anni)
  • Linee di espressione e rughe più o meno marcate
  • Macchie cutanee causate da un accumulo di melanina negli strati basali dell’epidermide

Tutti ciò porta la nostra pelle verso uno stato di secchezza e rilassamento. Avremo meno compattezza e luminosità, tono ed elasticità, quasi come fosse svuotata dall’interno.

Palese che ogni donna invecchi alla sua maniera. Quindi in primis ci sarà una causa genetica, poi le caratteristiche costituzionali di ognuna di noi (invecchiamento intrinseco) e infine le aggressioni esterne (invecchiamento estrinseco).

Tra i fattori intrinsechi, la quantità e la profondità delle rughe viene determinata da:

  • Tipo di pelle
  • Forma del viso
  • Corretto funzionamento del microcircolo
  • Quantità di estrogeni che l’organismo produce

L’invecchiamento estrinseco (foto-invecchiamento), con un corretto stile di vita può essere rallentato, mantenendo la pelle sana più a lungo nel tempo. Lo dico da sempre: il “foto-invecchiamento” causato dagli odiati raggi ultravioletti è in primis il responsabile del nostro viso segnato. Ma non è da solo, ha un altro complice, ovvero l’inquinamento atmosferico.

Il fattore comune sono i RADICALI LIBERI. Sono loro che intervengono in maniera pesante sui processi che portano la nostra pelle a segnarsi e a perdere tono.

I radicali liberi sono molecole estremamente reattive. Sono definiti instabili perché presentano un elettrone in meno negli orbitali più esterni.

Cercando di essere il più chiara possibile. Il loro deficit (elettrone in meno) porta la molecola a cercare la tanto agognata stabilità chimica e come la cerca? tentando di legarsi con altri radicali o con elettroni di altre cellule dando il via ad una serie continua di reazioni a catena che non ha fine: ogni molecola che cede un elettrone ad un atomo instabile a sua volta dovrà riacquistare l’elettrone perduto da un altro atomo. Tale reazione viene arrestata solo dagli antiossidanti. I FAMOSI ANTISOSSIDANTI DI CUI VI PARLO SEMPRE E CHE SONO FONDAMENTALI PER IL NOSTRO ORGANISMO.

Ma non solo il sole aumenta il livello dei radicali liberi. Tante volte dipende solo da noi:

  • Stress
  • Fumo
  • Alcolici
  • Droghe
  • Abuso di farmaci
  • Alterazioni della barriera protettiva della pelle
  • Dieta non corretta
  • Mancanza di sonno

Se entriamo nell’ottica di uno stile di vita sano e attivo, adottando una dieta ricca di fibre, sali minerali e vitamine, potremo prevenire l’invecchiamento cutaneo legato a questi fattori.

Vi sto diecendo cose risapute? può essere. Eppure ci sono ancora persone (e il nostro gruppo ne è la prova) che si espongono per ore al sole senza nemmeno una passata di SPF. Tutte ragazze che pensano di essere immuni da qualsiasi tipo di processo degenerativo e deteriorativo, salvo poi ricredersi molto presto.

Forse avete ragione. Stiamo rispolverando concetti triti e ritriti, decisamente risaputi. Ma è altrettanto vero che sono i primi che si dimenticano, quindi meglio rispolverarli.

Se avete la pelle matura e volete limitare i danni dovrete sicuramente adottare alcune accortezze: uno stile di vita sano in primis.

Mangiate in maniera equilibrata prediligendo frutta e verdura di stagione, metodi di cottura naturali e bandite le fritture e tutti i metodi aggressivi che fanno perdere vitamine e minerali ai cibi. Cercare di dormire  le giuste ore di sonno, basta ore piccole! Non abusate degli alcoolici e smettete di fumare ma soprattutto dimenticatevi l’esposizione selvaggia al sole e sappiate che il fattore di protezione dovrà diventare il vostro migliore amico. Tutto l’anno. Infine bevete la giusta quantità di acqua.

Ora passiamo alla cura del viso con la cosmesi e ricordatevi che PREVENIRE E’ MEGLIO CHE CURARE. Cercate di arrivare in età matura con una pelle curata da anni, con costanza e dedizione. Riuscirete meglio a gestire i cambiamenti successivi, ottenendo sempre una pelle sana e luminosa. Se non avete avuto pazienza nel prendervi cura di voi stesse, potreste ritrovarvi a 50 anni con una pelle molto segnata, problematica e difficile da gestire.

I miracoli non esistono. Primo comandamento. Miglioramenti si e li vedrete solo se impararete ad amarvi seriamente a 360° mettendo in atto tutto ciò che vi ho scritto prima ed adottando una routine viso/corpo strutturata. Invecchiare è un processo che purtroppo non possiamo bloccare. Possiamo solo, come diceva sempre mia nonna: invecchiare bene.

Beauty Concept Skin Aging. Anti-aging Procedures, Rejuvenation, Lifting, Tightening Of Facial Skin

Gli anni passano. Qualcosa è cambiato. Inutile negarlo. Quindi armatevi di pazienza ed agite.

Prima di tutto partiamo dalla detersione. Una pelle matura è una pelle molto sensibile e capricciosa. Sottile, che tende molto spesso ad inaridirsi facilmente nonostante possa avere ancora una zona T oleosa.

La detersione deve essere estremamente delicata, quindi non utilizzate detergenti schiumogeni aggressivi perché si, detergono in maniera impeccabile, ma insieme allo sporco asportano anche il film idrolipidico che serve a proteggere la nostra cute. Il nostro sebo, prodotto dalle ghiandole sebacee insieme ai lipidi epidermici, contribuisce all’idratazione della cute fornendole uno strato lipidico protettivo che riduce la perdita di acqua attraverso l’epidermide. Quindi va assolutamente preservato.

Meglio optare per detergenti in crema o liquidi. Mia mamma utilizza con soddisfazione il Garancia che vi consiglio di sbirciare QUA (lo uso anche io). Perfetto per apportare sostanze idratanti ed emollienti. Ma potete scegliere qualsiasi tipo di prodotto liquido o in crema…se proprio amate i detergenti, scegliete delle mousse che al loro interno abbiano degli attivi idratanti e nutrienti.

Cosa devono contenere i trattamenti per pelle matura?

La cosmesi per la pelle matura, deve assolvere vari compiti:

  • Proteggere la barriera cutanea
  • Apportare la corretta idratazione
  • Correggere il rilassamento
  • Lenire i capillari
  • Correggere le rughe
  • Schiarire le macchie

{44 bytes}

Una pelle oltre una certa età non è più in grado di rigenerarsi e ripararsi quindi FONDAMENTALI sono le sostanze che la aiutano in ciò e perfetti risultano gli acidi grassi. Ideali quindi la Rosa Mosqueta, Borragine, Argan, Enotera, Pistacchio e Vinaccioli.

Io prediligo la Rosa Mosqueta perché presenta un alto contenuto di acidi grassi essenziali polinsaturi, sostanze che come vi ho già spiegato molte volte, sono indispensabili per i processi di rigenerazione cellulare. Inoltre è ricco di Vitamina A, altro ingrediente dalla provata azione ringiovanente.

Non dimentichiano poi il Gamma Orinazolo. Dobbiamo combattere i RADICALI LIBERI. Importante antiossidante vegetale, ingrediente principale dell’insaponificabile delll’olio di crusca di riso. Quello che trovate anche nella nostra ricetta dello struccante bifasico – ARTICOLO QUA.

Se non lo trovate in un cosmetico, non disperate. Vi basterà prenderne una boccetta (la trovate ovunque, anche al supermercato) e miscelare qualche goccia in una noce di aloe vera pura. Concedetevi questo massaggio antiage almeno 2/3 volte alla settimana.

Curate molto anche la microcircolazione. Non va sottovalutata. Quindi via libera alla Vitamina C e ai Bioflanoidi. Ginkgo biloba, rusco e vite rossa. Evitate gli sbalzi termici o la vicinanza del viso a fonti di calore in maniera prolungata.

Avete mai provato il tonico alla Vitamina C? QUA trovate un mio articolo dove vi parlo di una crema fantastica di Alchimia Natura alla Vitamina C. Leggendo trovereta anche la “ricetta” per realizzare da sole il vostro tonico alla Vitamina C.

Non dimenticate l’ACIDO IALURONICO DI DERIVAZIONE VEGETALE – Umettante e idratante quando è ad alto peso. Sceglietelo a triplo peso molecolare oltre che per idratare anche per stimolare la sintesi di collagene, rassodare e tonificare la pelle.

Acido Glicolico – già nell’antichità si conoscevano ed utilizzavano diversi rimedi per l’invecchiamento che ancor oggi restano ampiamente utilizzati. Acidi della Frutta e vegetali, in primis l’acido glicolico, ricavato dalla Canna da Zucchero. E’ molto interessante dal punto di vista dermo-cosmetico perché, rispetto ai suoi fratelli, ha un peso molecolare decisamente più basso. Di conseguenza ha una capacità di penetrazione maggiore.

Leviga e conferisce alla pelle del viso luminosità. Esplica quest’azione attraverso un peeling dello strato superficiale della pelle migliorando il turnover cellulare. La seconda azione è quella di aumentare la sintesi di collagene, l’elastina e l’idratazione. Come conseguenza avremo appunto una pelle luminosa e compatta, rughette attenuate, colorito uniforme e maggiore idratazione. Ottimo coadiuvante nel ridurre le discromie cutanee.

Per capire come utilizzare l’acido glicolico vi invito a guardare il mio VIDEO.

Molto importanti nella cura della pelle matura, ma non solo…anche giovane ma particolarmente segnata da rughe, sono i PEPTIDI.

Cosa sono?

I Peptidi biomimetici sono piccole sequenze di amminoacidi dette anche messaggeri cellulari. Sono in grado di legarsi in modo molto specifico ai recettori cellulari che determinano e regolano particolari processi. ll nostro corpo funziona alla perfezione sotto ogni aspetto e anche in tema pelle non si smentisce. I recettori presenti sulla superficie delle nostre cellule sono in grado di captare e tradurre un messaggio e di trasmetterlo al nucleo della cellula che si attiva di conseguenza per produttre la sostanza richiesta.

I messaggeri, sostanze chimiche liberate dal cervello, circolano nel nostro corpo alla ricerca del recettore a loro destinato per lanciare un messaggio. Chi sono i messaggeri? in questo caso sono I PEPTIDI.

Ogni peptide ha una propria “missione” da compiere, perciò agisce in un determinato modo sulla nostra pelle e può essere di tipo stimolante, rimodellante, ridensificante, riparatore, miorilassante, rinforzante, schiarente, desensibilizzante, ecc ecc…

Vediamone qualcuno insieme…

Partiamo sicuramente con il più conoscituo: nome commerciale ARGINELINE.

ACETYL HEXAPEPTIDE-8 conosciuto anche con nome ACETYL HESAPEPTIDE-3 – Come potete vedere dal nome è un esapeptide. La sua azione è “botox-like” ovvero mima la tossina botulinica di tipo A.

Per cominciare ad apprezzarne i benefici, bisogna che l’attivo si accumuli nella pelle per almeno una decina di giorni. Questo significa che se utilizzate un prodotto con questo attivo, dovrete essere costanti nel suo utilizzo.

Allo scadere dei 10 gg comincia a essere efficace nel ridurre la comunicazione tra i nervi e i muscoli mimici che si decontraggono, diminuendo la visibilità delle rughe di espressione. Ovviamente parliamo di un effetto miorilassante reversibile ottenuto come vi ho spiegato, grazie alla presenza del peptide nella pelle.

Questo sta a significare che nel momento in cui si sospende il trattamento cosmetico, il tessuto torna nelle condizioni iniziali.

PALMITOYL HEXAPEPTIDE-19 Perfetto per ridurre la contrazione dei muscoli facciali, prevenendo la comparsa delle linee e rughe d’espressione. Botox- Like anche questo (mima la tossina botulinica in modo sicuro e reversibile) agisce come microdecontratturante attenuando così le piccole rughe da espressione.

PALMITOYL TRIPEPTIDE-5 è un lipo-peptide, che riesce a penetrare in maniera più profonda favorendo la produzione di collagene da parte dei fibroblasti.

PALMITOYL HEPTAPEPTIDE-5 – questo è un peptide molto interessante. Diverse aziende ne hanno studiato gli effetti ed è stata dimostrata la sua capacità di incrementare la sintesi di collagene (230%). Il tutto con studi in vitro e in vivo.

PALMITOYL TETRAPEPTIDE-7 stimola anche lui la produzione di acido ialuronico (responsabile dell’idratazione profonda) e del collagene nativo (responsabile della struttura del connettivo).

Dipeptide Diaminobutyroyl Benzylamide Diacetate – Altro Botox-Like che deriva dal veleno di un rettile (di solito la vipera) che blocca la contrazione dei muscoli facciali come la tossina botulinica.

HYDROLYZED HIBISCUS ESCULENTUS EXTRACT (oligopeptidi) – questo lo avrete notato in molte ^_^ completamente naturale, questo attivo applicato sulla pelle, anche lui mima il botox inibendo quindi la contrazione muscolare. Innovativi test in vitro che simulano l’ipermobilità dei muscoli del viso, hanno dimostrato che inibisce le controzioni muscolari riducendole di numero, con un effetto che viene protratto anche per diverse ore. Oltre a questo, è stata riscontrata anche la sua spiccata azione antiossidante inibendo la formazione degli odiati radicali liberi.

Alverde ha fatto anche una linea intera con questo tipo di attivo, si chiama: Hibiskus (Hibisus Syriacus Callus Extract). Ma lo trovate anche nel siero lifting del Dr Taffi.

img_0072Di Peptidi ce ne sarebbero ancora mille ma ne parleremo in maniera più approfondita in un video. Come avete visto alcuni danno effetti transitori, altri invece vanno proprio a mettere in atto delle azioni correttive mirate.

Li potete trovare all’interno dei prodotti di Domus, di Taffi, di Fitocose, di Natura Siberica ecc ecc…stampatevi i nomi di quelli che volete provare e controllate gli inci.

In ultimo ma non per importanza, dedicati soprattutto a chi è già in menopausa, gli ISOFLAVONI DI SOIA. Hanno un’azione ridensificante (antirilassamento) e agiscono sui segni dell’invecchiamento di origine ormonale. Nello specifico, questi attivi hanno un effetto estrogeno di stimolazione dei fibroblasti, i quali concorrono alla produzione di collagene, elastina e altre sostanze necessarie alla matrice intercellulare.

Potete trovarli ad esempio nelle creme Bio di Bema Cosmetici.

Tenete presente che molti degli attivi di cui vi ho parlato, sono contenuti anche negli integratori per uso orale. Quindi vi consiglio di parlare con il vostro medico per mettere in atto una cura a 360° che non dimentichi il nostro benessere interno.

Per concludere…

La frase: ad ogni età, la sua crema antirughe – E’ SBAGLIATA.  Ciò che conta è lo stato effettivo della pelle. Che può essere più giovane o più matura, indipendentemente dall’età anagrafica.

Vi consiglio una visita dermatologica specifica per individuare la vostra predisposizione naturale che, nel corso degli anni, determinerà condizioni cutanee ben precise. In questo modo potrete capire il trattamento più idoneo, indipendentemente dalla vostra età anagrafica.

Lo so cosa state pensando…Elena io ho 35 anni, che creme devo usare?!

Non esiste una linea generale uguale per tutte. Siamo tutte diverse. Di sicuro i trattamenti per le pelli giovani che NON PRESENTANO nessun tipo di problematica hanno come scopo principale l’idratazione. Per loro, dai 20 ai 25, tanta, tanta, tanta idratazione. Ossigeno, acido ialuronico per un effetto idratante e levigante continuo, vitamine e minerali.

Dai 25 in su dipende come siete messe. Ci sono donne che a 50 anni hanno la pelle ultra grassa che manco a 20 anni avevano, oppure 35 enni che necessitano di trattamenti per pelli molto mature. Questa condizione si presenta spesso, se devo essere sincera. Parlando con il mio medico, ho scoperto che è molto facile a 35/40 anni avere dei cedimenti importanti. Sono dovuti spesso e volentieri allo stress psicologico. Donne assorbite da mille impegni familiari e lavorativi che non curano l’alimentazione, cattive abitudini, non bevono e non hanno una routine strutturata. Per loro saranno necessari cosmetici con un’azione profondamente ristrutturante e peptidi importanti che di solito utilizzano le ultra 50 enni.

Quindi ragazze, cercate di capire la vostra pelle affidandovi ad un professionista. Con un quadro chiaro e preciso potrete tranquillamente invecchiare in maniera graduale, mantenendo una pelle sana e luminosa. E se invece siete arrivate tardi in corsa, non disperate. Potrete comunque correggere molti “difetti” e rivedervi di nuovo luminose e fresche.

Se volete studiare altri peptidi, vi invito a visitare il sito di Pura Pelle gestito dalla dolcissima Oxana Khatamova.

Spero di essere stata chiara ragazze, per qualsiasi dubbio lasciatemi un commento. E ricordatevi…prevenire è meglio che curare.

29 risposte a “Pelle matura – Caratteristiche e trattamenti”

  1. Sabrina Ballotta Sabrina Ballotta ha detto:

    Il discorso peptidi mi mancava. Ora ho capito molte più cose. Davvero interessante questo articolo.

  2. Ziapilla Ziapilla ha detto:

    Articolo davvero interessante ,ed esaustivo.

  3. simona bruno ha detto:

    Ottimo articolo, molto chiaro è spiegato alla perfezione! Grazie per i molti consigli che ci dai .

  4. grazia67 ha detto:

    Articolo molto interessante e soprattutto molto chiaro. Da quando sono entrata nel “mondo vanity” sto imparando tantissimo: prossima ai 50 cerco di essere più che mai attenta alla cura della mia pelle. Faccio tesoro di tutto ciò che qui apprendo e di tutti i preziosi consigli. E dunque, Grazie!!!!

  5. saradarca ha detto:

    Interessante e chiara come al solito!
    Io ho 23 anni e sto già cominciando a mettere in pratica i tuoi consigli 🙂

  6. lunika ha detto:

    Interessantissimo articolo Elena, grazie, ho scoperto tante cose che non sapevo, ora oltre a prevenire l’invecchiamento della pelle potresti far qualcosa anche per la memoria in modo da ricordarmi tutti i nomi dei peptidi da ricercare nelle creme ahahahah?!?! 😉

  7. Nettuno66 ha detto:

    Grazie Elena per l articolo, ho intanto ordinato la crema viso antiage Lift Fico d ‘ India. Aspettiamo il video e grazie per il tuo lavoro.

  8. micheladindin ha detto:

    Bellissimo articolo, grazie Un consiglio.. ho 40 anni, pelle mista.. sto usando la crema anti age giorno domus olea come crema 24h… sbaglio? ho necessità di distendere il viso ma ho lucidità nella zona T .. se tratto solo la zona T con prodotti diversi la pelle su secca troppo.. come posso impostare una routine corretta?

    • Deborav77 Deborav77 ha detto:

      Ciao ^_^ la crema di domus che citi è ottima anche per la pelle mista. Io continuerei con quella. Usa sempre anche un tonico! L’acqua di rose sarebbe perfetta perchè non è aggressiva.

      • micheladindin ha detto:

        Grazie mille Come crema 24h la domus anti age giorno va bene? Se il mattino la pelle risulta oleosa significa crema sbagliata? ( non ho imperfezioni) X ora come tonico sto usando l’acqua micellare domus olea . Grazie ancora!!!

  9. Daniela Donati ha detto:

    Io ho cercato di trovare delle informazioni dal web ma con pareri un po contrastanti. ….. Quale sarebbe la routine perfetta serale per una donna dai 35 in su….? Io prima ovviamente mi strucco e dopo metto il acido ialuronico, dopo un sieri e dopo la crema. Sto saltando passi ? Ho 2 bimbi perciò non ho moltissimo tempo da concedermi purtroppo. Grazie in anticipo

  10. elenalice ha detto:

    Interessante come al solito!Ho sempre condiviso chi sostiene che la crema viso non deve essere scelta in base all’età,ma in base al tipo di pelle che si ha 😉

  11. giorgia ha detto:

    Grazie…aspettavo questo articolo…mi rivedo in molte cose scritte… anche se scegliere i prodotti adatti sarà un pochino complicato…sono tantissimi..come sempre una marcia in più!

  12. VEROAR ha detto:

    Ottimo articolo! Molto chiaro… E certe cose bisogna riperterle fino all nausea purtroppo… Ho molto amiche che ancora si stupiscono che fatto che io usi la protezione 50 + tutto l’anno!!! Aspetto il video!!!!!

  13. loredanadd73 ha detto:

    Articolo molto chiaro ed esaustivo. Da stampare e rileggere a mo’ di bibbia…fra due mesi saranno 44 e bisogna cominciare a studiare! Aspettiamo il video e grazieeee Elena.

  14. Stefania Minonzio ha detto:

    Wow, ottimo articolo! Ricco, con affermazioni motivate e suggerimenti pratici, che vanno ben oltre la semplice skincare! Una domanda (da ignorante quale sono): i peptidi possono essere definiti ecobio?

    • Deborav77 Deborav77 ha detto:

      Ciao Stefania ^_^ i peptidi sono molecole di sintesi ma sono natural identiche ovvero identiche a quelle naturali per cui i vari disciplinari BIO li accettano. Importante che non siano dannosi per l’uomo e per l’ambiente. Il bio ammette molte sostanze di sintesi…ad esempio i conservanti purché come ti ho detto, siano sicure per l’uomo ed eco-compatibili ^_^

  15. svals82 ha detto:

    Questo è uno degli articoli più interessanti che abbia mai letto. Grazie Elena, davvero grazie!

  16. marcella noies ha detto:

    Grazie per l’articolo così completo! Aspetto anche il video per prendere ulteriori appunti!

  17. emipileri ha detto:

    Articolo super interessante ed esaustivo. Come sempre Elena ti superi, ansiosa di vedere il video

  18. Ramada ha detto:

    Top come sempre! Aspetto con ansia il video!!! 🙂

  19. Hobbyettivo_Bio ha detto:

    Articolo molto interessante, domani lo stampo e me lo sudio per benino. Grazie davvero, sempre precisa ed esaustiva!

  20. ely1988 ha detto:

    Articolo interessante e molto chiaro!!non vedo l’ora di vedere il video 😀 😀

  21. parolealventoblog ha detto:

    38 anni, fino a 4 mesi fa neanche l’ombra di una ruga tranne i piccoli segno di espressione. Poi in successione terremoto, perdita della casa per due mesi, stress, insonnia (e i sonniferi non donano riposo come il sonno vero), due lutti consecutivi. Ora ho il contorno occhi segnatissimo, borse e occhiaie sempre più evidenti e rughette che mai avrei immaginato di avere ora 🙁 Purtroppo per me la skin routine maniacale non è stata di aiuto, dato lo stress concentrato e le tante preoccupazioni, ma non oso immaginare cosa sarebbe accaduto senza le cure precedenti!

  22. Barby ha detto:

    Repetita iuvant come si suol dire..
    grazie come sempre per la chiarezza nell’esporre concetti alquanto complessi come questo dell’invecchiamento cutaneo. Io personalmente a 36 anni ho ancora “problemi” con una pelle mista e per questo ho molto apprezzato la scelta di Domus Olea di pensare a prodotti antiage per il mio tipo di pelle. Infatti dopo il ciclo di glicolico saranno il mio prossimo step 😉

  23. barberoantonella ha detto:

    bellissimo articolo. Grazie Elena!

  24. Bisy ha detto:

    Grazie Elena,non vedevo l’ora di leggere questo articolo! Come sempre chiarissimo ed esaustivo!

Lascia un commento