Curiosità Promozioni

Oli Essenziali – Proprietà ed Utilizzo

Oli Essenziali – Proprietà ed Utilizzo

678_0_4628974_661508

Il valore degli oli essenziali ragazze era già conosciuto nell’antichità. Dimenticati per molti anni, sono ritornati in una posizione di primo piano nella cosmesi e nella terapia naturale.

Gli oli essenziali vengono definiti anche OLI ETEREI perché evaporano senza lasciare nessun tipo di untuosità. A differenza dell’olio di oliva ad esempio oppure di mandorle che sono ottenuti per spremitura. La loro profumazione è intensa e persistente.

Partiamo dal principio…METODI DI OTTENIMENTO:

DISTILLAZIONE IN CORRENTE DI VAPORE della pianta fresca – Lavanda, menta, salvia, ginepro ecc ecc… Immaginatevi una caldaia piena di acqua, delle serpentine e del vapore che vi passa. Questo vapore attraversa fiori, foglie, radici dove si è saturato. A questo punto viene raccolto dalla cucurbita e condotto in una serpentina di raffreddamento, dove alla fine si separerà. Una parte in acqua distillata (il famoso idrolato) della “droga” sottoposta al processo di distillazione (Petali di rosa, per esempio) e in Olio Essenziale. Olio essenziale che la Bottiglia fiorentina permetterà di raccogliere facilmente. E’ un procedimento affascinante ragazze. Affascinante e lungo. La temperatura e la pressione devono essere dosate magistralmente, per evitare di “cuocere” la droga o ottenere un odore di bruciato.

ESTRAZIONE CON SOLVENTI – I fiori, foglie, erbe ed eventualmente le radici, subiscono l’azione di un solvente di tipo idrocarburico. La riproduzione della fragranza originale è molto fedele e si presenta, in generale, come un solido opaco di consistenza simile alla cera. Questo prodotto si chiama Essenza concreta e contiene in generale 50% di cera e 50% di olio volatile. La separazione avviene grazie ad un altro solvente facilmente eliminabile: l’alcool. L’essenza pura ottenuta si chiama Assoluta e malgrado sia olfattivamente di eccellente qualità, non può essere utilizzata a scopo terapeutico perchè contiene tracce di solventi.

L’ENFLEURAGE (XIX secolo) Il procedimento per l’estrazione dei fiori preziosi come il Gelsomino o la Tuberosa – Troppo delicati per resistere al calore della distillazione – come funziona? Se avete visto il film PROFUMO – Storia di un Asssassino – lo sapete :- ) Si spargono i petali su del grasso purificato che ne assorbe l’essenza…quando i fiori hanno perso il loro colore vengono cambiati e questo procedimento ragazze dura per alcune settimane fino a che il grasso ha raggiunto la saturazione…a questo punto il grasso arricchito è diluito in alcool e sottoposto a vibrazione forte per 24 ore per separare l’olio essenziale. Così con pazienza, tempo e dedizione è nato il nostro olio essenziale.

SPREMITURA delle vescicole contenute nelle bucce – Solo nel caso degli agrumi;

LA MACERAZIONE – petali o foglie profumate messi a contatto con un olio (ad esempio quello di mandorle). Si tiene poi il contenitore in un luogo caldo e asciutto il tempo necessario (tanto) affinché i composti aromatici passino nell’olio: quando i componenti vegetali inseriti diventano scuri si cambiano con altri fino a raggiungere la concentrazione aromatica desiderata.

Discorso a sé va fatto per I RESINOIDI ottenuti da materiale resinoso naturale sottoposto a distillazione o mediante estrazione alcolica. Esempio: BALSAMI (il Balsamo del Tolù, il Balsamo del Perù, il Benzoino), RESINE (Lentisco, Ambra), OLEORESINE (Balsamo di Copaiva, Trementina) e GOMMORESINE OLEOSE (Incenso e Mirra). Estratti normalmente in alcool o in altri tipi di solventi, che poi vengono distillati.

 Gli oli essenziali si usano per molteplici usi perché hanno una conformazione multipla.

Sono VOLATILI – Evaporano facilmente e si diffondono nell’aria, per questo sono ottimi per le inalazioni (apparato respiratorio e mucose).

Sono ODOROSI – Hanno delle profumazioni intense che stimolano il nostro olfatto con conseguente riflesso sulle aree celebrali. Agiscono sul nostro sistema nervoso centrale, entrando in contatto con la parte più antica del cervello, il sistema LIMBICO. Si scatena una reazione chimica nelle cellule nervose. A loro volta, danno vita ad uno stimolo elettrico che raggiunge direttamente il sistema limbico. Cos’è il sistema limbico ragazze? Non è altro che la sede delle nostre emozioni e dell’inconscio. Percepisce l’impulso elettrico e di conseguenza (a seconda della reazione) provoca la produzione di sostanze neurochimiche come p.e. la serotonina, l’adrenalina, noradrenalina, endorfine ecc. :- )

Per farla breve possiamo dire che stimolano il nostro umore e i nostri organi Ci donano armonia e benessere, contrastano lo stress, l’ansia e gli squilibri della vita, provocano stati di felicità, euforia o fanno da sedativo contro il dolore.

– Infine sono OLEOSI -Questa caratteristica li rende LIPOSOLUBILI e quindi facilmente assorbili dalla nostra pelle.

PROPRIETA’ DEGLI OLI ESSENZIALI:

Vi faccio un breve riassunto ragazze perché il discorso è troppo ampio per essere compresso in poche righe.

Proprietà antisettica e antimicrobica – Oli che inibiscono lo sviluppo di batteri, virus: origano – timo – santoreggia – malaleuca – fiori d’arancio – palmarora – lavanda – ginepro-eucalipto -salvia –finocchio- camomilla. Una curiosità: lavanda e camomilla sono antisettici più potenti del fenolo che è un disinfettante chimico.

Proprietà cicatrizzanti – Sono quegl’oli che facilitano il processo di riparazione delle ferite, stimolando la rigenerazione cellulare. I più conosciuti in assoluto troviamo il Tea Tree – Benzoino – cipresso e rosa.

Proprietà insetticide e antiparassitarie sono: citronella – mirto – cipresso – ginepro- alloro.

Proprietà tonificanti – Alleviano lo stress, mentre a livello mentale/intellettivo aiutano in caso di stanchezza mentale, se si ha poca concentrazione. Quali usare? Ottima la menta, il basilico, il timo, la salvia, il rosmarino, la rosa , Palmarosa e fiori di arancio.

Proprietà calmanti – Le hanno quegli oli rilassanti. Vengono in nostro aiuto in casi di insonnia, ansia stress, tensione nervosa come. Melissa, Verbena, Lavanda, Camomilla, Arancio, Sandalo e mandarino.

Proprietà analgesiche – Oli essenziali con proprietà sedative. Vi alleviano o addirittura tolgono il dolore. Camomilla, Ylang Ylang, Chiodi di Garofano e menta. Con il mal di denti, avete mai messo un chiodo di garofano sulla gengiva? Il dolore si attenuerà drasticamente.

Proprietà riscaldanti – Ci aiutano ad attivare la circolazione locale. Cannella, Pepe Nero, Rosmarino, Canfora e Zenzero.

Proprietà antimicotiche – In caso di candidosi ad esempio. Salvia, Eucalipto, Menta Piperita, Cannella, Garofano,Finocchio, mentre per i dolori mestruali – gelsomino e lavanda;

I miei oli preferiti ^_^ UTILI UN PO’ PER TUTTO:

CAMOMILLA: antinfiammatorio potente, antibatterico e disinfettante, ottimo per i problemi dei bambini, per le scottature, la psoriasi, l’eczema, l’asma e la febbre da fieno, le distorsioni, e gli strappi muscolari, la nausea, la febbre e tutti gli stati nervosi depressivi; Per tutto insomma! E’ favoloso. Inoltre esiste la varietà BLU, ricca di azulene che dà il colore blu all’olio essenziale e la caratteristica attività lenitiva. Nell’uso cosmetico come decongestionante, emolliente, addolcente, lenitivo, calmante, protettivo, rinfrescante, antirossore, nelle scottature da sole. E’ molto indicato per le pelli sensibili, intolleranti, per i capelli secchi e fragili.

LAVANDA: analgesico, antidolorifico, cicatrizzante (migliora l’aspetto del tessuto cicatriziale) decongestionante e sedativo, regolatore psico-emotivo, conferisce lucidità ed equilibrio; In cosmesi viene usata come decongestionante e disinfettante in caso di foruncoli, dermatiti, scottature solari, forfora e punture di insetti. E’ particolarmente indicata per il trattamento di pelli impure e tendenti alla seborrea, come anche per prodotti destinati al trattamento di capelli e cuoio capelluto grassi e con forfora. L’essenza in olio vettore può essere anche utilizzata per toccature localizzate su foruncoli acneici. Per la sua attività tonificante, rinfrescante e lenitiva la Lavanda viene inoltre impiegata in creme e latti idratanti per viso e corpo, lozioni toniche e lozioni dopo barba. Dopo una prova allergica su collo o polso (12 ore) può essere usato per tocca turbe su brufoli.

LIMONE: olio leggero rinfrescante e detergente, antisettico e disinfettante, contro il mal di gola, le punture d’insetto e il mal di testa da tensione, tonico del sistema linfatico e stimolante sul sistema digestivo;

Curiosità: Una goccia di olio essenziale puro sulle unghie le lucida e le rinforza. 2 o 3 gocce nell’acqua dei piatti danno una maggiore disinfezione e un effetto deodorante.

TEA TREE: azione antisettica 100 volte più forte dell’acido fenico, rinfrescante e antivirale, antibatterico, antifungino, stimolante del sistema immunitario, utile contro la candida, le scottature solari, l’acne, il mal di denti;

Curiosità: Il Tea Tree è originario dell’Australia; il suo nome significa “albero del the” perché i conquistatori inglesi, imitando gli aborigeni, facevano un infuso con le sue foglie chiamandolo the.

ROSA DAMASCENA – L’olio della Regina. Vi do 2 numeri ragazze. Ci vogliono dalle 3,5 alle 5 tonnellate di petali di rose per ottenere un 1 chilo di olio essenziale di rosa. In pratica 30 rose per una goccia di olio essenziale. Raccolta in Bulgaria (montagna balcanica) il suo olio essenziale è il numero uno nel mercato del mondo. Adatto a tutti i tipi di pelle, sopratutto in casi di pelle sensibile,secca o matura. Astringente e tonificante può ridurre le rughe sulla pelle. Ottimo anche nell’olio da massaggio per preparare la pelle poco prima del parto e anche dopo.

Curiosità: La rosa era legata nell’antichità alla dea Venere, unico fiore degno della sua divina bellezza. I petali della rosa vengono impiegati in riti e cerimonie perché sono simbolo di fecondità e prosperità.

Uso dell’olio: Se volete rilassarvi mettete 7-8 gocce nel diffusore o sul fazzoletto. Per idratare il corpo: 8-10 gocce diluite in Latte Malva o olio massaggio Argan. Per problemi ormonali usate la stessa dose diluita in Argan o Latte di Malva e massaggiate il ventre. Per la pelle del viso: 2 gocce nella vostra crema da giorno abituale. Mai prima di esporvi al sole.

MOLTO IMPORTANTE – Oli essenziali fototossici:

NON VANNO APPLICATI PRIMA DI ESPORSI AL SOLE perché possono produrre forti eritemi e macchie scure indelebili.

Angelica radice – Arancio amaro – Bergamotto – Calendula – Cumino – Lime – Limone Petitgrain di Mandarino – Pompelmo – Ruta – Verbena odorata.

Per il viso meglio evitare tutti gli OE fototossici (in pratica ragazze, tutti gli agrumi) perchè già qualche ragazza, ha la tendenza a sviluppare melasma gravidico, quindi direi che non è il caso di aiutarlo ulteriormente.

I BAMBINI DEVONO EVITARE: Rosmarino, Basilico, Salvia, Assenzio, Cedro, Eucalipto, Canfora e Cumino.

Mai sotto i 4 anni.

MODI PER SCOPRIRE SE UN OLIO ESSENZIALE E’ AUTENTICO:

La legge non impone nulla quindi in erboristeria & co. Trovate in vendita veramente tante tante cose.

Quindi?

Allora. Se abbiamo già comprato il nostro olietto, non dovremo far altro che far cadere una goccia di OE su un foglietto di carta. Che succede? Se avremo comprato un SINTETICO O UN TAGLIATO CON OLI VEGETALI, la goccia si allargherà pochissimo e la carta resterà unta per quasi tutto il giorno. Ma cosa più importante, guardando il foglio controluce lo vedremo trasparente. La vostra goccia invece si allarga tanto fin da subito? Non è unta? e a distanza di un giorno è evaporata del tutto lasciando solo un piccolo alone? L’OE è OK. Questo metodo vale per TUTTI GLI OE…non è valido per le resine come la Mirra ad esempio.

Siamo in Erboristeria e dobbiamo scegliere – Cosa guardare?

– Se c’è scritto PER USO ALIMENTARE – E’ una garanzia in più. Se c’è scritto ESSENZA PER AMBIENTI è sintetico.

– Le boccette in cui sono contenuti NON possono essere trasparenti. Un OE in boccetta trasparente si altera subito. Solo boccette scure.

– L’etichetta deve riportare tutte le indicazioni. Nome italiano, Nome Botanico, Parte usata, metodo usato e provenienza geografica.

MISCELAZIONE E DOSAGGIO:

Per il corpo: 2-2.5% – Tenete sempre a mente che ci vogliono circa 20-25 gocce di OE per ottenere 1 ml quindi se dovete utilizzare gli OE per farci un olio da massaggio dovrete utilizzare 98 ml di olio vettore e 40-50 gocce di OE; Questo per un massaggio cosmetico.

Però la cosa migliore ragazze E’ PESARE GLI OLI. PRENDETE LA BILANCINA DI PRECISIONE CHE POTETE TROVARE ANCHE A POCHI SOLDI E PESATE ANCHE PERCHE’ OGNI OE HA UN SUO PESO SPECIFICO. POI C’E’ LA VARIABILE DELLA VISCOSITA’ E DEL DOSATORE DEL FLACONE (DIAMETRO) IL MIO CONSIGLIO E’: PESATE SE SIETE ALLE PRIME ARMI E NON ANDATE AD OCCHIO.

Per il viso: 0.5-1% a seconda del tipo di OE.
Ovviamente OE non irritanti nella misura di 10 a 20 gocce (i più delicati) su 100 ml; Per gli OE molto profumati, ne bastano 2-4 gocce per 100 ml.

Maschere: Aggiungere 4 gocce nella maschera monodose preparata.

Ecco qua mi fermo perchè altrimenti il tutto diventa troppo lungo e pesante. Ho cercato di concentrare le informazioni più importanti. Così potete farvi una base.

Da qua, insieme, possiamo sviluppare tutti gli aspetti che ritenete importanti ^_^ Passate a trovarmi su Vanity Space ^_^ www.facebook.com/groups/vanityspace/?fref=nf Vi aspetto.

Una replica a “Oli Essenziali – Proprietà ed Utilizzo”

  1. Francesca82 ha detto:

    Finalmente un articolo completo e serio sugli oli essenziali. Ė bello far parte del mondo di Vanity e scoprire tutte queste cose! Grazie!

Lascia un commento