Make-Up

Neve Cosmetics – Preview InkMe – Eyeliner Bio

foto-01

Ciao ragazze, bentornate sul Blog ^_^ Oggi vi presento i nuovissimi Eyeliner di Neve Cosmetics. 10 Tonalità meravigliose che ora vedremo insieme.

Un segno vivo ed intenso, pura espressione di personalità. Finish pieno, opaco come inchiostro su carta. Applicatore flessibile che coniuga tratto deciso e semplicità di utilizzo.

applicatore

Questo è InkMe by Neve Cosmetics.

nevecosmetics-inkme-flyer_a

Una rivoluzionaria formula a base d’acqua, velocissima da applicare e da struccare. Niente petrolatum, siliconi, parabeni o acrilati: solo i migliori ingredienti vegetariani e vegani.

Tutti gli eyeliner InkMe possono essere usati con la punta parallela alla pelle per tracciare classiche linee modulate oppure di punta per creare puntini decorativi.

Le dieci colorazioni di InkMe si ispirano all’antico Egitto, luogo di origine dell’eyeliner naturale.

Nei tempi antichi non si chiamava ancora Eyeliner bensì Khol nei paesi arabi e Kajal nei paesi asiatici. Originariamente era una polverina ottenuta miscelando galena, malachite, zolfo e grasso animale. Più che per bellezza veniva utilizzato principalmente per prevenire le infezioni oculari e per proteggere i bambini dal malocchio. Molte iscrizioni e dipinti dell’Antico Egitto danno vita a uomini e donne con una linea nera di khol allungata oltre l’occhio, curva verso lo zigomo o verso il sopracciglio. L’ispirazione arrivava dagli occhi del gatto, animale legato alle divinità feline dell’Antico Egitto, ad esempio Bastet, Dea che da anche il nome ad uno di questi meravigliosi Eyeliner.

nevecosmetics-inkme-flyer_b

SWATCHES

panoramica-01

panoramica-02

terza-panoramica

Giza

giza

Blu cobalto intenso come il cielo sopra le piramidi. Prende il nome dalla meravigliosa necropoli di Giza dove le piramidi erano le scala per salire al cielo.

Papyrus

papyrus

Verde oliva neutro opaco, un classico reinventato. Questa volta l’ispirazione arriva dal Papiro, pianta palustre che vive unicamente lungo le sponde di due fiumi: il Nilo in Egitto e il Ciane a Siracusa, in Sicilia.

Hatshepsut

hatshepsut

Granata caldo e ricco di personalità come la sua celebre omonima Regina Hatshepsut, formata all’esercizio del potere dal padre Thutmosi I, restò per oltre 20 anni a capo di un Egitto ricco e potente, a differenza delle precedenti regine che regnarono in tempi di crisi profonda. Un colore meraviglioso per gli occhi azzurri e verdi.

Alexandria

alexandria

Grigio asfalto a sottotono blu, dal carattere metropolitano e minimalista. Il nome si ispira alla Metropoli del mondo antico, oggi seconda città del moderno Egitto.

Bastet

bastet

Il fascino felino del nero assoluto, perfettamente opaco. Un nero che richiama la Dea Bastet appunto. Nell’Antico Egitto il gatto nero era il prediletto perché associato al colore della notte ma soprattutto al nero del limo, portatore di fertilità e rinascita dopo le inondazioni del Nilo.

Ankh

ankh

Viola, blu e grigio si miscelano originando una tonalità arcana che accende magicamente ogni colore d’occhi. Ankh, la chiave ansata, significa vita ed è il simbolo dell’eternità.

Nefertiti

nefertiti

La “bella è arrivata”, questo il significato del nome Nefertiti. Marrone caldo scurissimo a sottotono nero, misterioso e femminile proprio come questa bellissima e altera Regina Egizia.

Thebes

thebes

Nero-blu petrolio scuro intenso, ammaliante e misterioso. Esalta gli occhi castani come nessun altro. Tebe (Inserito tra i Patrimoni dell’umanità dell’UNESCO dal 1979) altro non è un sito archeologico in Egitto, ubicato presso le attuali città di Karnak e Luxor.

Nut

nut

Nut, inizialmente Dea del cielo diurno ha poi rappresentato il cielo in generale e di conseguenza anche il notturno, con le sue stelle e i suoi bagliori. E’ l’unico InkMe dal finish perlato e luminoso, ispirato appunto alla notte stellata. Nude dorato per aggiungere riflessi di luce.

Heliopolis

heliopolis

Color avorio chiaro opacissimo, è… l’anti-eyeliner. Abbinato alle altre colorazioni le esalta per contrasto, applicato da solo è pura avanguardia. Eliopoli fu uno dei santuari più importanti e conosciuti dell’antichità. Il nome Heliopolis è quello che gli antichi Greci diedero al luogo e significa “città – polis – del sole – elios”.

Come avete visto le colorazioni sono ben 10 con texture diverse. Ebbene si, li ho provati tutti e 10 e le consistenze, così come la coprenza, non sono identiche.

  • Nut: consistenza semi-liquida. Per avere un colore pieno e vibrante bisogna fare 2/3 passate. Molto meglio come punto luce.
  • Hatshepsut: consistenza semi-liquida. Il colore scarica bene già alla prima passata ma si rende necessaria una seconda passata.
  • Nefertiti: consistenza semi-liquida. Colore vibrante che risulta abbastanza pieno già alla prima stesura.
  • Ankh: consistenza abbastanza densa. Colore molto particolare, finish opaco. Per avere la giusta coprenza servono due stesure.
  • Bastet: consistenza perfetta, semi-liquida, scorrevole, estremamente modulabile. Colore pieno già alla prima passata.
  • Thebes: consistenza liquida. Colore intenso e modulabile.
  • Giza: consistenza cremosa. Colore intenso e vibrante già alla prima stesura. Il migliore come
  • Alexandria: consistenza cremosa. Colore pieno.
  • Papyrus: consistenza cremosa. Opaco. Il mio colore preferito insieme a Bastet. Pieno e modulabile.
  • Heliopolis: consistenza molto cremosa (troppo). Colore molto glamour, nude, elegante. Risulta delicato alla prima passata. Se lo volete più incisivo ed evidente, si rende necessaria una seconda/terza passata.

Per la durata ci aggiorniamo più avanti ragazze…voglio provarli ancora qualche giorno. Di sicuro essendo un prodotto naturale, a base d’acqua, senza petrolatum, siliconi, parabeni o acrilati, la resa non sarà assolutamente paragonabile ad un eyeliner “chimico” e quindi poco consono alle palpebre molto oleose.

Devo dire che alcuni colori, i miei preferiti: Papyrus e Bastet, con primer sotto, mi stanno dando parecchie soddisfazioni. Ankh invece no, non è proprio il mio colore. Vi aggiornerò comunque a breve.

Posso anticiparvi che non sono Eyeliner semplici e non li consiglio a chi è alle prime armi. Essendo molto mat e con un’asciugatura veloce, necessitano di una mano capace e veloce.

Inoltre l’applicatore a mio avviso, non permette una linea di precisione assoluta. Cosa che invece si pretende da questo tipo di prodotto. Per questo spero che un domani possa essere sostituto con un pennellino.

Gli eyeliner InkMe sono in vendita sul sito di NEVE COSMETICS e nei negozi rivenditori ufficiali al costo di 10,90 Euro. Fino all’8 Febbraio sono in promozione con il 20% di sconto e spedizione con corriere espresso a metà prezzo!

Cosa ne pensate di questa new entry Neve? Quale tra tutti i colori vi attira di più? Aspetto come sempre le vostre opinioni!

foto-02

36 risposte a “Neve Cosmetics – Preview InkMe – Eyeliner Bio”

  1. Alessia6 Alessia6 ha detto:

    Per ora ho provato solo Basted, anche perchè è il colore che uso di piùe secondo me è un buon prodotto tenendo conto che ho la palpebra oleosa. L’ho tenuto su tutto il giorno e non si e spostato nemmeno quando ho lacrimato un po’ a causa dell’aria primaverile. L’unica cosa che mi piace poco è l’applicatore che mi permette si di fare una bella linea, ma la punta è più cicciotta e non riesco a fare quel tratto fine e preciso sulla parte finale che piace a me. Spero in futuro di poter provare altri colori

  2. CinziaFerrari ha detto:

    Aggiungo il mio parere sugli Inkme, in particolare su Nefertiti (marrone) e Bastet (nero).
    Acquistati all’uscita, dopo tre settimane di utilizzo quasi quotidiano, posso dire che sono ottimi. Durano fino al momento di struccarli alla sera. Non ho particolari problemi di lacrimazione e questi eye-liner non mi hanno mai tradita. Si stendono facilmente. L’applicatore non fa una linea sottilissima ma è preciso e facilmente controllabile, non mi sono mai macchiata applicandolo.
    I plus:
    – si struccano facilmente (niente effetto tatuaggio che non si strucca neppure con la trielina, vengo da anni di eye-liner tradizionali da profumeria e da occhi arrossati alla sera a forza di tentare di toglierli dalla faccia)
    – non si sgretolano a metà giornata come alcuni eye-liner pastosissimi e densissimi.
    La mia personalissima esperienza è positiva. Promossi.

  3. Danila ha detto:

    Ne ho acquistati 3: bastet, papyrus e nefertiti. Li trovo ottimi.
    Adoro mettere l’eyeliner e a dir la verità ho.iniziato ad usarlo quotidianamente da 1 annetto circa.
    Li ho comprati nonostante molte dicessero che non erano di facile applicazione, che non erano per “principianti” (io mi reputo ancora così dal punto di vista della applicazione di questo prodotto!)…mbè, io lo trovo perfetti, bellissimi, dal colore pieno e dall’applicaziobe semplice!
    Provare per credere!

  4. Maretta ha detto:

    Ne ho acquistati 4: Nefertiti, Thebes, Alexandria e Hatshepsut..finora ho provato solo Nefertiti e mi piace da matti, perché è un colore davvero particolare: non il solito marrone, ma nemmeno così bordeaux come potrebbe sembrare..spero di poter testare prima possibile anche gli altri, perché sono tutti colori altrettanto belli!

  5. Annastella Terrizzi ha detto:

    Ho quello nero. Inizialmente mi è piaciuto molto, ma a lungo andare con gli utilizzi non mi entusiasma poi così tanto. Fin’ora l’unico eyeliner bio provato era stato quello di Avril, e ripensandoci per me non c’è paragone. Punto forte però dell’eyeliner di Neve è il fatto che si strucca facilmente, che per una come me con gli occhi sensibili è il top. Lo uso in settimana, quando non mi interessa un tratto super preciso e sottile.

  6. Chiara.97 ha detto:

    Ho acquistato Hatshepsut e Thebes, sono due colorazioni a mio parere molto particolari! Sono d’accordo sul fatto che non sono esattamente i più facili al mondo da applicare poiché trovo la texture quasi cremosa soprattutto quella di Hatshepsut che tra i due ho usato di più. Thebes trovo faccia risaltare molto il colore dei miei occhi (castano scuro).

  7. stefania bruni ha detto:

    Brava Elena, articolo interessante! Almeno sappiamo qualcosa su questi “impronunciabili” nomi!!!
    In ogni modo io ho comprato Nefertiti. Mi piace molto!

  8. deboraputzu ha detto:

    Mi piace molto nefertiti. Bellissimo colore.

  9. FabiBerto ha detto:

    Mi piace molto Hatshepsut! Credo proprio che lo comprerò

  10. Ninaca ha detto:

    Ho preso nefertiti, è favoloso e facile da applicare anche per un’imbranata come me! 😛

  11. conny ha detto:

    aaaah finalmente riesco a commentare, dal cell non riesco o.o
    gli swatches come voi nessuno :*

  12. Silvia Siss Stella ha detto:

    Non uso molto l’eyeliner, ma questi mi incuriosivano molto…ho preso papyrus e l’ho testato ieri: devo premettere che su di me il trucco occhi dura abbastanza di suo, gli ombretti neve mi tengono 8-10 ore senza primer ad esempio. In ogni caso, messo ieri alle 11.00 e struccato ieri alle 19.00, sulla rima superiore intatto, su quella inferiore appena sgualcito…quindi per me a durata son promossi. Quanto alla stesura non è stata semplice, ma il 70% del problema sta nella mia abilità, credo che chi usa abitualmente eyeliner non avrà problemi!

  13. Romina Galliano ha detto:

    Sono curiosa di provare quello rossiccio, non riesco a memorizzare quel nome difficilissimo, e andrò contocorrente ma quel pennellino mi da l’impressione che non sia così difficile da usare. Proverò e vi dirò!

  14. Hiraesh ha detto:

    Bellissimo articolo!!!
    Essendo poi un’amante dell’antico Egitto almeno un paio non vorrei farmeli sfuggire,ce ne sono vari che come colori sono proprio belli,il problema è credo la composizione a base acqua,che secondo me non la fa durare a lungo. Bastet,Hatshepsut,Ankh,Tebes Nefertiti e Papyrus sono stupendi!

  15. Martina07 ha detto:

    Descrizione e swatches perfetti muoio dalla voglia di provare Hatshepsut!! Adoro quel colore così ricco e caldo .

  16. elenalice ha detto:

    Swatch e descrizione più che esaustiva!Almeno un paio ho intenzione di provarli per verificare la resa e la durata sui miei occhi dato che ci sono colori davvero particolari come Papyrus che è quello che mi ha colpita maggiormente .

  17. Chiara Fibbi ha detto:

    I colori sono veramente belli, ma sta cosa che siano a base d’acqua mi lascia perplessa… io sono una con la lacrima facile, nel senso che lacrimo anche quando rido, se c’è vento o semplicemente sono più stanca… temo di ritrovarmeli ovunque tranne che al loro posto!

  18. ida ha detto:

    Ne comprerei 3-4, mi frena il fatto che di solito ho problemi di durata: il mio contorno occhi li scioglie come neve al sole

  19. Bisy ha detto:

    Grazie dell’articolo Elena!!! Finalmente degli swach decenti….il giorno di uscita degli eyeliner non ne era uscito uno degno di essere chiamato tale! Tu li consiglieresti come primo eyeliner? Il pennellino ti sembra agevole? Mi raccomando
    Ispira tantissimo nut!

  20. Volpe Margherita ha detto:

    Colori molto originali!!! Proverò il nero perchè ho sempre usato soltanto questo colore come eyeliner. Ma non mi dispiacerebbe provare anche nut perchè sembra molto luminoso 😉
    Grazie mille per gli swatches!!!! <3

  21. MariarcaPasquetti ha detto:

    Grazie Elena, swatch perfetti!!! Mi piace un sacco l’ispirazione da cui prende vita questa linea di eyeliner, sono indecisa tra Nefertiti e Hatshepsut, bellissima recensione e foto *__*

  22. lovemakeuppb ha detto:

    Swatches perfetti come sempre tesoro. Io desidero da tempo un eye-liner marrone o comunque dai toni bruni per dei make-up più soft rispetto al solito eye-liner nero che comunque uso con soddisfazione.
    Però anche quel verde m’ispira tantissimo.

  23. Ela94 ha detto:

    Bellissime le foto davvero ** però ahimè, nonostante ci siano due o tre colori che mi piacciono, l’applicatore non mi convince per niente. Già sono un po’ molto imbranata con l’eyeliner, in più se ne uso uno con il pennellino morbido e non troppo sottile faccio veramente uno schifo XD quindi devo rinunciare =( peccato però, specialmente Ankh lo trovo un colore molto particolare.

  24. Francy_vi ha detto:

    Complimenti per i tuoi swatches! Sono sempre al top! Questi eyeliner mi ispirano tantissimo. Mi piace il fatto che siano ad acqua, mi piacciono le colorazioni varie e che soddisfano vari gusti e colori di pelle e occhi e trovo geniale l’idea di associarli all’antico Egitto. Sicuramente in seguito vorrei provare 4 colorazioni: Bastet perché é il classico nero che non può mai mancare, Hatshepsut e Nefertiti perché sono delle sfumature di marrone molto belle e da “tutti i giorni” e Thebes perché é davvero una colorazione inedita e minfido della tua opinione secondo cui sta bene agli occhi scuri.
    L’unico mio dubbio, per cui aspetterò tuoi aggiornamenti, é sulla durata. Temo che una formula di questo tipo non resista ad una palpebra oleosa per molte ore, soprattutto in condizioni di caldo.

  25. Manuela Alessandro ha detto:

    Questo è uno dei miei articoli PREFERITI in assoluto! Geniale la nostra amata Neve Cosmetics con questa nuova, fantastica linea di eyeliner, ma altrettanto bravissima la nostra Elena nel recensirli in maniera impeccabile. Ancora una volta ho avuto l’occasione di conoscere dei nuovi e allettanti prodotti attraverso un favoloso viaggio nel tempo. MI PIACE!

  26. parolealventoblog ha detto:

    Mi piacciono tutti, anche nei colori che non indosserei mai, per la particolarità e originalità delle proposte. Li vedrò sicuramente in negozio, ce ne sono tre che mi piacciono tantissimo.

  27. violamakeupblog ha detto:

    Articolo e swatch utilissimi! Poi le foto sono meravigliose!! Andrò in negozio per vederli dal vivo 🙂

  28. Barby ha detto:

    La tua bravura come blogger ormai è nota, ma permettimi di farti i complimenti per il lavoro di ricerca che hai fatto sul mondo dell’Antico Egitto, del resto so che è una passione che abbiamo in comune ^.^ Comunque mi sono innamorata di Papyrus e dei due marroni: Nefertiti ed Hatshepsut!

  29. Crismag ha detto:

    Rewiew esaustiva come sempre!ecco nato un’ennesimo bisogno! Io adoro neve e sono attratta da queste splendide tinte.Ho apprezzato molto anche i richiami all’Egitto. Intriganti.

  30. Erika ha detto:

    Io vorrei prendere proprio Ankh..poi Thebes e Bastet.

  31. angelicaisi ha detto:

    Ciao, articolo veramente ben fatto, complimenti! I colori mi ispirano tutti, il richiamo all’antico Egitto è geniale a mio parere. Grazie Per l’opportunità di ammirare swatches così ben fatti

  32. angelicaisi ha detto:

    Ciao, articolo veramente ben fatto, complimenti! I colori mi ispirano tutti, il richiamo all’antico Egitto è geniale a mio parere. Grazie

  33. deborav77 ha detto:

    Grazie per il tuo articolo Elena, sempre perfetta nelle descrizioni. I colori sono bellissimi, prenderò sicuramente bastet e thebes ❤

  34. fefina5 ha detto:

    Swatches sempre perfetti, mi ispirano come colori Thebes, Bastet e Ankh il mio problema è l’incapacità di usare il pennellino 🙁

  35. elvis ha detto:

    Bellissimo articolo, li proverò sicuramente.

  36. florentina ha detto:

    Che dire ?!?!una splendida rewiew, completa e dettagliata.Colori bellissimi e per nulla scontati…grazie mille !

Lascia un commento