VanitySpaceBlog

Bio’s – Shampoo neutro concentrato con Aloe e Camomilla

Buongiorno ragazze e bentornate sul Blog. Oggi parliamo di un’azienda italiana con sede a Montefiascone in provincia di Viterbo che merita davvero molta attenzione, sto parlando di BIO’S! Di solito, sono io a raccontarvi la storia delle aziende. Vi porto con me nel loro mondo affinché possiate capire chi e cosa c’è dietro il prodotto finale che fa bella mostra di se’ sulla mensola del bagno. Questa volta non lo voglio fare, desidero lasciare la parola a Danya, perché la sua storia merita il rispetto di restare intatta così come lei me l’ha raccontata.

COME È NATA BIO’S?

Sono Danya Dimita titolare di BIO’S. Sono entrata nel mondo del biologico trenta anni fa circa, quando mio padre, chimico per una grande multinazionale nel settore della detergenza e della cosmesi, mi ha fatto avvicinare ai prodotti di provenienza biologici e con una politica eco–bio. C’è voluto molto tempo prima che comprendessi e poi condividessi il modo di vivere che mette al primo posto un uso consapevole e rispettoso dei prodotti che abitualmente danneggiano l’eco-sistema. Nonostante in casa nostra si parlasse molto spesso e si usassero prodotti naturali e biologici sia in tavola che per la cura della persona e della casa, io personalmente non avevo capito fino in fondo la preziosità di questo modo di vivere, così che per molti anni ho avuto uno stile di vita legato ad acquisti basati su prodotti commerciali e spesso non troppo di qualità pensando al risparmio come fattore primario.

Un giorno di circa tre anni fa mi sono resa conto personalmente che ciò che mi era stato insegnato aveva un valore inestimabile. Così ho iniziato a divorare letterature specializzate del settore cosmetico naturale e biologico ed ho chiesto a mio padre consigli tecnici e personali, vista la sua esperienza professionale e personale. Ed in seguito ad un avvenimento tragico per me, ovvero la perdita del mio lavoro, ho sentito che era arrivato il momento di condividere la mia esperienza e la mia conoscenza con chi come me era rimasto indifferente ad uno stile di vita sano, responsabile e rispettoso della Natura o semplicemente restio al cambiamento.

Così ho iniziato il mio cammino, cercando un laboratorio artigiano che volesse condividere con me la mia stessa esperienza; percorso difficile finché un giorno, un anno e mezzo fa, ho incontrato Marianna, biologa, appassionata di eco bio cosmesi. Lei, io e con l’aiuto di una farmacista abbiamo iniziato un percorso di lavoro e studio, inizialmente fondato su sole donne che per un motivo o un altro stavano attraversando periodi bui delle proprie vite, a maggior ragione determinate ad affrontare le difficoltà legate al fatto di aprire e gestire un laboratorio cosmetico. Dunque oggi non una, ma tante donne danno vita a BIO’S e la sostengono.

Lo studio e la produzione di prodotti biologici continua sulle conoscenze di tutte noi, ci riuniamo per confrontarci con il solo intento di crescere insieme e migliorarci, persone come Marianna di Bioteko, Giulia di Scintilla Bio, Sara di Miss Trucco e molte altre donne che a loro volta creano un loro brand personale fanno parte della condivisione e dei progetti di Bio’s.

CHI E’ BIO’S?

BIO’S è una piccola realtà di Montefiascone (Viterbo), paesetto affacciato sul lago di Bolsena, ricco di terreni coltivati a vigna e ulivi, vista la particolare struttura del terreno vulcanico e della costante umidità dovuta al bacino stesso. In questo territorio vengono selezionate alcune materie prime come lavanda, ortica,rosmarino, frutti e piante che, in aggiunta ad elementi naturali provenienti da agricoltura biologica, permettono di produrre cosmetici eco-bio a km 0. Lavorazione artigianale che avviene tra Umbria e Lazio, in quella zona chiamata Tuscia o Etruria.

L’obiettivo è quello di diffondere un bene naturale alla portata di tutti e disponibile per tutti. Il cosmetico eco-bio ha per BIO’S ha questa valenza: Sovrano è il rispetto per la Natura, la scelta di primizie locali, l’aiuto e la condivisione con altre donne ed il riciclo dei materiali o dei rifiuti.

Viene divulgato l’amore per il territorio facendolo conoscere a clienti e fornitori che vogliono sapere e vedere dove e come nasce BIO’S. In quest’ottica si riesce a produrre cosmetici 100% vegan (ad eccezione dei prodotti a base di bava di lumaca) e certificati 100% naturali nel rispetto dell’ecosistema e degli animali ma anche, grazie all’assenza di SLS, SLES, EDTA, metalli pesanti, profumi e tensioattivi di sintesi, nel rispetto del benessere della clientela, specialmente quella con esigenze particolari dovute ad ipersensibilità cutanee o intolleranze.

Io sono Danya, ma oggi con me a sviluppare l’attività si sono aggiunti mio figlio Patrick, ventenne, che ha già dimostrato passione per il mondo del biologico e il mio compagno Christian, unici Uomini del team, perché l’intera filiera produttiva avviene tra il laboratorio e casa nostra trasformata in uffici, magazzino e persino alcune volte in negozio: noi studiamo e produciamo tutto “in casa”. Le etichette, gli espositori, le brochure e tutto il materiale relativo al merchandising, viene fatto a mano da noi tre di volta in volta durante le produzioni, non ci sono committenti esterni per il packaging fatta eccezione per i flaconi ed i tappi. In questo i miei Uomini sono validi sostenitori morali e fisici di questo grande impegno lavorativo che molto spesso presenta grandi difficoltà.

Certo! Difficoltà! Perché abbiamo iniziato con il nulla, senza un lavoro e senza soldi, abbiamo inventato il denaro necessario per affrontare spese importanti e per fare investimenti che sembravano folli o azzardati. Abbiamo avuto la fortuna di incontrare rivenditori che hanno creduto in noi, fidandosi ciecamente e provando i nostri prodotti. Il primo rivenditore in assoluto è stato Ariel Beauty di Lavinia Cubeta: lei ci ha fatto capire che potevamo realizzare il nostro sogno, e così tanta follia e determinazione ci hanno portato ad avere oggi molti punti vendita, molti distributori e molti clienti.

Abbiamo fatto tanta strada e ne abbiamo ancora altrettanta da fare. Il nostro impegno è giornaliero e costante affinché i nostri prodotti siano ricchi di sostanze nutritive di primissima qualità idonei a risolvere problemi comuni come intolleranze, allergie o problemi dermatologici o semplicemente adatti all’uso quotidiano. La nostra filosofia dell’eco-bio si rispecchia nel nostro lavoro, motivo per cui i nostri prodotti nascono concentrati: è fondamentale pensare all’ambiente e a tutelarlo riducendo il più possibile il consumo e lo smaltimento di rifiuti. Anche il packaging è frutto di questo pensiero, infatti è privo di confezioni aggiuntive; il vetro è stato utilizzato solo ed esclusivamente per creme che ne hanno bisogno per salvaguardare i principi attivi che spesso sono fotosensibili o che deperirebbero più velocemente nella plastica; spesso spediamo la merce ai rivenditori o ai nostri clienti in scatole riutilizzate, anche non troppo belle, scusandoci con l’aspetto estetico e promuovendo l’aspetto ecologico e ambientale.

Il nostro obiettivo è quello di mettere in commercio prodotti che rispecchiano sì una lavorazione artigianale, tradizionale, ma che siano anche frutto di un processo di studio con mezzi di elevata tecnologia, affidandoci a laboratori più grandi dei nostri che hanno a disposizione macchinari o materie prime che possiamo condividere, così da poter crescere insieme e non in competizione l’uno con l’altro. Questo ci permette anche di risparmiare, non dovendo acquistare beni che in realtà possiamo prendere in prestito, anche a beneficio del prezzo finale. Persino i nostri fornitori collaborano con noi e con altri laboratori di cosmetica per ottimizzare le spese o per effettuare acquisti di gruppo, rendendo unico questo sistema di lavoro di BIO’S.

Ci hanno definito OPEN SOURCE e riconosciuti per la lealtà e la predisposizione verso gli altri. Questa è BIO’S: imbuti, bilance, mestoli, recipienti e tanta passione per il proprio lavoro. Studio! Tanto studio necessario per migliorare e crescere nel mercato.

Dopo questa doverosa e meravigliosa premessa vi porto con me alla scoperta dello Shampoo Concentrato con Aloe e Camomilla, perfetto per lavaggi frequenti e capelli delicati.

Prima di iniziare però, non potete non sapere da dove deriva la parola “Shampoo”. Shampoo è una parola inglese entrata nel linguaggio di uso comune nel 1762, ma in realtà proviene dalla lingua Hindi, nella quale “champo” imperativo di champna, significa pressione, massaggio. Fate conto che questa parola venne introdotta da un certo Sake Dean Mahomed un anglo-indiano che a Brighton aprì il primo bagno pubblico per il lavaggio dei capelli dove i clienti ricevevano trattamenti indiani e massaggi terapeutici.

INCI: Aqua, Aloe barbadensis leaf juice*, Glycerin, Sodium lauroyl sarcosinate, Cocamidopropyl betaine, Sodium cocoamphoacetate, Chamomilla romana extract, Linum usitatissimum seed oil, Panthenol, Hydrolized wheat protein, Inulin, Polyglyceryl-10 laurate, Lactic acid, Sodium dehydroacetate, Chamomilla recutita essential oil.*da agricoltura biologica.

PRINCIPALI ATTIVI FUNZIONALI

  • Sodium Lauroyl Sarcosinate – Tensiottavio anionico primario molto delicato (Valore aggressività: 70); Biodegradabile e sicuro per le falde. Fate conto che viene inserito nelle formule dei prodotti  per bimbi in quanto non genera problemi di sensibilizzazione o di allergie;
  • Succo di Aloe – Lenitivo ed idratante;
  • Glicerina – Attivo idratatne che aiuta a combattere l’effetto crespo creando un rivestimento protettivo a livello del fusto del capello;
  • Olio di Lino – Ottimo rimedio naturale per i nostri capelli ricco di Acido Linoleico e Acido Alpha Linoleico. Regola la perdita d’acqua e regala elasticità e resistenza;
  • Estratto di Camomilla Romana e Olio Essenziale di Camomilla comune – Azione lenitiva nei confronti del cuoio capelluto, cicatrizzante e riequilibrante;
  • Pantenolo – Il precursore dell’acido pantotecnico (vitamina B5) è un vero e proprio alleato per i nostri capelli, fondamentale per il loro benessere. Previene la disidratazione grazie alla sua capacità di fissare l’acqua. Infine è in grado di aumentare la resistenza del fusto prevenendo i danneggiamenti provocati  dall’utilizzo di phon e piastre ad alte temperature.
  • Proteine Idrolizzate del Grano – Fitocheratina – contengono aminoacidi simili a quelli che costituiscono i nostri capelli. Apporta forza, volume e brillantezza ai capelli;
  • Inulina – Spesso aggiunta negli shampoo e nei balsami, grazie al suo effetto lisciante e districante;

La particolarità di questo Shampoo è che è concentrato e va quindi diluito nell’apposito SPARGISHAMPOO che ormai, credo, conoscerete tutte. Cosa significa diluire? vuol dire aggiungere una componente acquosa (acqua o idrolato) alla consueta dose di prodotto utilizzata per il lavaggio. Spargishampoo che avrete in omaggio acquistando

Nel gruppo penso di avervi parlato mille volte di questo metodo! Ci sono addirittura i miei MeMe con lo spargishampoo in mano. Moltissime di voi lo conoscono, mentre altre sono scettiche e pensano sia solo una leggenda metropolitana. Beh, sappiate che arrivertà anche per voi il momento in cui dovrete ricredervi.

Perché diluire lo shampoo?

I motivi sono i più svariati e sono tutti ottimi. I tensioattivi occupano spesso le prime posizioni dell’inci. Delicati o aggressivi che siano, in quantità eccessiva tendono a sgrassare troppo i nostri capelli intaccando il nostro film idrolipidico, regalandoci una chioma indisciplinata e crespa. Diluire una piccola quantità del nostro shampoo, aiuta il prodotto a distribuirsi meglio sull’intero cuoio capelluto, soprattutto se stiamo utilizzando prodotti che difficilmente si emulsionano con l’acqua, oltre a pulire con maggior delicatezza. Ma non solo!  Il lavaggio sarà decisamente più performante ed utilizzeremo meno prodotto con buona pace del nostro portafoglio!

Quanta acqua e quanto shampoo devo utilizzare?

Il dramma per molte di voi è indubbiamente trovare le corrette proporzioni e raggiungere così il giusto compromesso tra acqua e shampoo. E’ la domanda quotidiana che mi fate su tutti i social, a cui rispondo sempre ricordandovi che il passaggio richiede varie prove di diluizione per ottenere quella ottimale per noi, senza penalizzare eccessivamente il potere lavante e trovarsi così alla fine con dei capelli non puliti.

Online, partendo da Lola in primis e passando per i vari blog e forum troverete molte formule magiche: 10/15 ml in 100 ml – 1 cucchiaino da te in 100 ml, 1 parte di shampoo e 2/3 di acqua ecc ecc. Ci sono davvero mille dosi. Tutte più o meno valide, perché testate sul proprio tipo di capello. Non siamo tutte uguali, ricordatevelo sempre. Io ad esempio con 15 ml di shampoo diluito ci campo 2 lavaggi, mia mamma manco uno ne fa, perché ha il triplo dei miei capelli, con spessore nettamente più grosso.

Quindi? la parola d’ordine è provare. Provare. Provare. Nel giro di qualche lavaggio, vedrete che riuscirete a trovate la “vostra quadra perfetta”.

Come si effettua lo shampoo?

E’ vero, lo shampoo serve solo a lavare, ma se diamo tempo agli attivi di “interagire” con il cuoio capelluto possiamo trarre vantaggi successivi non indifferenti. Per questo motivo vi consiglio di massaggiare con movimenti circolari per almeno un paio di minuti, non meno. Grazie al maggiore afflusso di sangue e all’ossigenazione dei bulbi, gli attivi vengono assorbiti meglio dal cuoio capelluto e dalla superficie del capello.

Il massaggio si esegue con movimenti circolari, dalla nuca verso la fronte e viceversa, evitando accuratamente la delicata zona delle tempie, infatti il massaggio in questa zona va effettuato da esperti massaggiatori e terapeuti professionisti.

Se non avete applicato impacchi particolarmente nutrienti, NON applicate lo shampoo sulle punte ma usate le dita come pettine per distribuire la schiuma su tutta la lunghezza dei capelli, sempre con movimenti che vanno dalla radice alle punte.

 

COSA NE PENSO

La formula “basic” di questo shampoo con all’interno tensioattivi delicati e attivi lenitivi è perfetta per tutti i tipi di capelli, ideale da utilizzare in alternanza a prodotti/trattamenti più specifici, come ad esempio il cowash;

I capelli non andrebbero mai lavati per più di due volte a settimana, purtroppo però per molte di voi non è sempre facile mettere in pratica tale regola. Chi lavora nelle cucine, chi va in palestra 5 gg su 7, chi vive nelle grandi città con livelli alti di inquinamento non può permettersi due lavaggi a settimana, è palesemente infattibile. Di conseguenza, quando si configurano queste condizioni è necessario correre ai ripari scegliendo un prodotto delicato come questo, che vada a deterge i capelli e il cuoio capelluto senza alterarne l’equilibrio, svolgendo al contempo anche un’azione lenitiva.

Last but not least…fondamentali invece sono gli step successivi! Imparate a non strofinare e ad usare un asciugamano specifico, meglio se in microfibra e tenete il phon a non meno di 30 centimetri di distanza, impostandolo alla temperatura medio bassa. In questo modo la vostra chioma sarà sempre in splendida forma!

Il mio risultato? capelli soffici e piacevolmente leggeri come una nuvola con una minima spesa! Mai come in questo case vale il detto: minima spesa, massima resa.

Spero che l’articolo vi sia piaciuto ragazze! Mi raccomando, aspetto come sempre le vostre opinioni in merito. Un abbraccio e alla prossima!

INFORMAZIONI AGGIUNTIVE

  • Denominazione: Shampoo concentrato Lavaggi Frequenti neutro all’Aloe e Camomilla
  • Brand: Bio’s
  • Formato: Flacone con tappo a
  • Quantità: due le varianti – 100 o 200 ml
  • Prezzo: 100 ml – 4.50 euro – 200 ml – 7.90 euro
  • PAO: 12 mesi
  • Dove acquistare: lo potete trovare nello shop di ARIEL BEAUTYClicca qua. Nella sezione SCONTI del Blog trovate il codice sconto di Ariel Beauty dedicato a noi Vanityne.

BIO'S

Vai al Sito

24 risposte a “Bio’s – Shampoo neutro concentrato con Aloe e Camomilla”

  1. Lunika Lunika ha detto:

    Apprezzo molto il duplice formato che consente di provarlo anche spendendo poco!ni
    Articolo davvero interessante, specialmente nella parte relativa alla tecnica del lavaggio!
    Da un po’ ho ripreso ad alternare il cowash allo shampoo specifico e, a quanto vedo, anche questo prodotto potrebbe essermi utile a tale scopo 😉

  2. Romina Galliano Romina Galliano ha detto:

    Che bello quando ci fate conoscere queste storie e ci fate entrare nel vostro mondo

  3. Roberta Iorio Roberta Iorio ha detto:

    Nell’articolo Elena! Molto preciso e dettagliato!
    Felice di constatare che eseguo il lavaggio dei capelli nel modo corretto ☺
    Interessante questo shampoo, da provare!

  4. Silvia D'Ariano Silvia D'Ariano ha detto:

    Adoro il modo in cui ci spieghi le cose Elena, con cura di dettagli, empatia e voglia di rinnovamento! Da quando la mia haircare routine si basa su prodotti bio ho una chioma più folta, capelli sani, lucidi, forti e zero doppie punte nonostante piastra e phon! Non smetterò mai di ringraziarti e sicuramente proverò questo interessantissimo prodotto con alle spalle persone splendide e con idee e valori che ammiro molto!

  5. Erika Fara Erika Fara ha detto:

    È dall’inizio dell’estate che ho cominciato ad usare gli shampoo bio. All’inizio è stata una tragedia perché abituata alle formule super schiumose in commercio non avevo la percezione della quantità da utilizzare perché mi sembrava non lavassero per niente (poca schiuma🙈🙈🙈)… adesso invece me ne sono innamorata soprattutto perché ho potuto apprezzare le differenze😍😍😍 Mi è piaciuto molto questo articolo perché ci hai fatto conoscere un’altra piccola realtà italiana fatta di sogni, sacrifici e dedizione al proprio lavoro. Non vedo l’ora di provare questo prodotto😊ah e ho apprezzato tantissimo la spiegazione dell’utilizzo dello spargishampoo. Come sempre la nostra Elena non delude mai😁❤

  6. Domenica Tripodi Domenica Tripodi ha detto:

    Ecco, ero alla ricerca di uno shampoo bio, ed eccolo qui. Proverò questo. 🙂

  7. Chiara Fibbi Chiara Fibbi ha detto:

    A volte le formule semplici sono quelle che danno maggiore resa e soddisfazione! io vengo dal settore professionale dei prodotti per capelli, per cui per me il concetto di diluizione non è così facile da “digerire”, probabilmente con i prodotti usati fino ad oggi, nonostante i diversi esperimenti, non ho trovato ancora la giusta dose adatta al mio cuoio capelluto! La storia della genesi dell’azienda mi è piaciuta molto: amo le piccole realtà familiari che si crescono e si gestiscono da sole, riescono ad avere una cura per il dettaglio che, inevitabilmente, con i processi industriali si perde un po’

  8. Natascia Strazieri Natascia Strazieri ha detto:

    Ecco. Ammetto di essere una di quelle persone scettiche. Che usa due litri di shampoo per un lavaggio, lo ripete mille volte e alla settimana si trova a lavare i capelli 5 giorni su sette.
    Ma ci sto provando, lo giuro, a ridurre a due massimo tre! Grazie alla stagione invernale, al poter portare cappelli e al meno lavoro. Questo articolo per me è stato utilissimo! Adoro il “se è bio, dev’essere bio’s” . La loro storia e di grande ispirazione ed è un prodotto, ed un metodo, che voglio assolutamente provare.

  9. Imma Sicurezza Imma Sicurezza ha detto:

    Lo spargishampoo credo sia stato uno dei primissimi must have conosciuti nel gruppo di Vanity anni fa…ed è un accorgimento che mi ha davvero salvato i capelli! Anche il mio compagno da quando diluisce ne perde molto meno ed è un’abitudine ormai irrinunciabile, si usa meno prodotto, si lava meglio, soprattutto con i detergenti concentrati. È la prima cosa che consiglio quando ci sono problemi al cuoio capelluto.
    La storia dell’azienda è davvero molto bella e ha trasmesso in pieno tutto l’amore, la passione e la dedizione che i titolari mettono nella realizzazione artigianale di questo prodotto che sono sicura sia molto valido.
    Complimenti sempre ad Elena per i suoi splendidi e istruttivi viaggi letterari, in quelle che sono realtà di nicchia meritevoli di essere scoperte.

  10. Vania Calce Vania Calce ha detto:

    Che bella la storia del brand!
    Lo shampoo descritto mi pare ideale per la mia sorellina… Magari glielo porterà in dono babbo natale! 😉

  11. Susanna Puopolo Susanna Puopolo ha detto:

    Bellissima storia di chi crede in un sogno, riesce a realizzarlo…e non può che essere donna!
    Ho due domande:
    1) potrei utilizzare lo shampoo per la mia bimba di 3 anni?
    2) è indicato in casi di dermatite del cuoio capelluto?

  12. Ilary Ace Ilary Ace ha detto:

    Anche solo dal packaging viene voglia di avere questo spargishampoo (sappi che ti avrò 🤣) inoltre oltre alla bella recensione di Elena anche il prezzo invoglia assolutamente alla prova su “campo”.

  13. Elisa Croci Elisa Croci ha detto:

    La storia di questa azienda mi è piaciuta tantissimo si sente la dedizione al lavoro. Grazie a questo ad Elena e al gruppo sto scoprendo un mondo che mi ha permesso di migliorare le mie abitudini e di prendere consapevolezza degli sbagli che facevo. Aziende come questa vanno premiate e sicuramente acquisterò i loro prodotti! Grazie per la review!

  14. Luisa Raglione Luisa Raglione ha detto:

    Articolo molto e interessante, adesso so che voglio uno spargishampoo! Un prodotto così delicato va dritto nella mia Wish List 💖

  15. Aniela Nastasa Aniela Nastasa ha detto:

    Bellissimo articolo, come sempre. Sono una delle tante innamorate del spargi shampoo, della pratica di diluire lo shampoo ed è più che vero che si deve andare a provare fino a che non si trova la miscela giusta per noi. Ora non so più lavarmi con lo shampoo come prima 😂 😘😘😘
    Provocare per credere.

  16. Simona Bruno Simona Bruno ha detto:

    Come sempre i tuoi articoli sono bellissimi è molto professionali.
    Il prodotto sembra molto interessante , da provare

  17. non conoscevo questo brand ma mi incuriosisce parecchio e spero di poterlo provare molto presto! sinceramente avendo una cute grassa e delicata e lunghezze secche ho sempre lottato per trovare la routine migliore per i miei capelli ma devo ammettere che da quando sono passata al bio e soprattutto ho imparato tante cose dal tuo blog ,Elena, e sul gruppo vanity ho notato dei miglioramenti prima impensabili e già il fatto che posso lavare i capelli solo un paio di volte a settimana è un traguardo incredibile per me

  18. Sara De Benedetti Sara De Benedetti ha detto:

    Che belle queste più o meno piccole realtà tutte italiane, sono davvero fonte di orgoglio, per l’intraprendenza e la tenacia di fare qualcosa di concreto non solo per la nostra “bellezza” per un mondo più sano…

  19. Lorydelledonne Lorydelledonne ha detto:

    La storia di Danya e di Bio’s è bellissima e fa capire come con impegno e sacrificio si riesca a portare avanti un percorso in cui si crede, fatto di professionalità e passione, frutto della voglia di farcela. Non conoscevo il marchio, ma sicuramente aziende così meritano di essere sostenute. I consigli per uno shampoo perfetto vanno a completare questo articolo così ricco e preciso, come sempre d’altronde. Grazie a tutti.

  20. Lavinia Cubeta Lavinia Cubeta ha detto:

    ciao Elena 😘 articolo fatto davvero molto bene, come tuo solito del resto 🙂 molto interessante con tutte le descrizioni fatte per quanto riguarda la storia dell’azienda e delle precisazioni su come diluire lo shampoo che so che non tutte fanno o sanno fare correttamente 🙂
    sono molto fiera di questa nostra collaborazione:)

    un bacio grande

    Lavinia

  21. Angelica Angelica ha detto:

    Molto molto interessante questo prodotto! Purtroppo, come sai, vivo in una città inquinata ed ero alla ricerca di un prodotto di questo tipo!

  22. Fadel Fadel ha detto:

    Interessantissimo articolo, è sempre bello conoscere nuove realtà ….. al prossimo acquisto sicuramente proverò questo shampoo

  23. Rossella Marzullo Rossella Marzullo ha detto:

    Che dire, recensione impeccabile come sempre, e shampoo davvero interessante, poi lo spargishampoo mi piace tantissimo me ne sono innamorata 😍😍😍😍

  24. Miriam Nardo Miriam Nardo ha detto:

    Ciao ❤️ io sto utilizzando lo shampoo per capelli grassi Bio’s e mi sta piacendo molto. Curiosa di provare questo da alternare al mio.

Lascia un commento